Visualizzazione post con etichetta CALCIO. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta CALCIO. Mostra tutti i post

Ci lascia Edmondo Lorenzini storico difensore del Sorrento

mercoledì 12 agosto 2020 0 commenti

E’ scomparso questa mattina all’età di 82 anni Edmondo Lorenzini. Vestì la maglia del Sorrento dal novembre 1968 al giugno 1973 contribuendo alla doppia promozione dalla D alla B e collezionando 156 e 1 gol. Lorenzini in carriera aveva colezionato anche 32 presenze in serie A con la maglia del Bologna con cui vinse la Mitropa Cup del 1961 e lo scudetto del 1964. 

Share/Bookmark

Ci lascia Tolò Cuomo storico capitano del Flos Carmeli

martedì 2 giugno 2020 0 commenti

Gli sportivi sorrentini piangono la scomparsa di un'altra bandiera del glorioso Flos Carmeli di padre Fernardo Sorrentino. Ci lascia Antonio Cuomo da tutti conosciuto come Tolò. Nato a Sorrento il 7 ottobre 1931 è stato uno dei pochi ad aver giocato in tutte le franchigie che hanno rappresentato Sorrento dalla rinascita dell’immediato dopoguerra agli anni sessanta: SS Sorrento, Sant’Agnello-Penisola Sorrentina, Flos Carmeli e di nuovo SS Sorrento. Per fare l’en plein gli mancava solo la Fiamma Sorrento nella quale avrebbe dovuto giocare nella stagione 60-61 insieme al fratello minore Carlo ma poi così non fu. Con 222 presenze certificate (ma sono molte di più perché di mancano diversi tabellini delle stagioni dal 1950 al 1953) e al settimo posto nella lista dei giocatori che hanno vestito la maglia del Sorrento. Prima partita il 26 marzo 1950 Angri Sorrento 2-0. ultima dieci anni dopo l'otto maggio 1960 Sorrento-Ischa 0-1
Laureato in medicina ha esercitato per anni la professione di analista all'ospedale di Sorrento.

Share/Bookmark

Addio ad Elio Grassi, centravanti del Sorrento nella stagione 81-82

lunedì 18 maggio 2020 0 commenti

Profondo cordoglio a Seregno per la scomparsa di Elio Grassi ex calciatore degli anni Settanta. Un infarto fulminante lo ha stroncato ad appena 62 anni. Nella stagione 81-82 aveva vestito la maglia rossonera del Sorrento in C2 collezionando 31 presenze e 6 reti. Gli sportivi carottesi lo ricordano pure per aver fatto parte della squadra del Piano Ristorante La Tombola che si aggiudicò il Torneo dei comuni nell’estate 1982.
Nato a Seregno aveva iniziato la sua carriera in C2 debuttando con la maglia azzurra allo stadio Ferruccio. Centravanti dotato di grande prestanza fisica e ottima tecnica, era stato preso dalla Lucchese alla fine della stagione 1978-79, coi toscani aveva giocato una trentina di partite prima di trasferirsi alla Turris in C1 e successivamente al Sorrento ( C2). Dopo due brevi parentesi con l’Akragas e il Nola, aveva terminato la sua carriera nel 1988 col Vigor Lamezia. Padre di due figli viveva a Seregno nel rione Fort di Och.

Share/Bookmark

Ci lascia Urano Navarrini allenatore del Sorrento nella stagione 1982-83

sabato 18 aprile 2020 0 commenti

Stamattina presso il Pio Albergo Trivulzio di Milano è venuto a mancare Urano Navarrini ex allenatore del Sorrento nella stagione 1982-83.
Urano Navarrini era nato a Verona il 2 Maggio 1945.
Da calciatore aveva vestito le maglie del Milan, della Pistoiese del Savona del Verbania del Taranto del Novara e della Pro Patria.
Smise di giocare nel 1978 intraprendendo immediatamente la carriera di allenatore durante la quale guidò Pro Patria, Aosta, Sorrento, Elpidiense, Potenza e Vigevano.
Il Sorrento Calcio esprime il proprio cordoglio ai familiari di Urano e a tutti quelli che gli hanno voluto bene.

A fianco una foto di Urano Navarrini all'epoca in cui allenava il Sorrento.

Share/Bookmark

Cento anni fa nasceva Gioacchino Lauro

lunedì 30 marzo 2020 0 commenti

Il 30 marzo 1920, nasceva a Piano di Sorrento Gioacchino Lauro. Figlio maggiore dell’armatore Achille Lauro e della sua prima moglie Angelina D'Alessandro.
Gioacchino aveva ben presto affiancato il padre nella gestione della Flotta Lauro e fu lui a difenderlo, con l'aiuto di Cafiero, quando nel dicembre del 1943 il genitore venne arrestato dagli alleati che lo accusavano di collusione col fascismo.
In un libretto, "Io difendo mio padre", egli fornì un'ampia documentazione sulla storia della flotta. Date di acquisto delle navi, cifre pagate e tutti i particolari sull'acquisizione dei giornali napoletani. Questa serie d'informazioni incisero non poco sull'assoluzione del padre.
In seguito Gioacchino si occupò prevalentemente delle sedi estere della flotta, per potere avere maggiore libertà di azione. Predilette erano le linee verso l'Australia, con capolinea a Sydney, dove lui era molto stimato per la puntualità e il funzionamento esemplare dei collegamenti, che davano lustro e denaro all'azienda. 
Eletto nelle liste del Partito Monarchico Popolare, fu deputato dal 1958 al 1970, nella III, IV e V legislatura della Repubblica Italiana. Fu anche sindaco di Sorrento dal 1963 al 1968.
Fu per anni l'animatore degli Incontri internazionali del cinema di Sorrento, una passerella di divi da fare invidia a Cannes o Venezia, un tocco di mondanità di cui ancora si favoleggia in costiera.
Fu presidente della Società Sportiva Calcio Napoli dal 17 dicembre 1966 all'8 luglio 1968 subentrando a Roberto Fiore. Accompagnava spesso i calciatori nelle trasferte e nel dopo partita li appestava benevolmente negli spogliatoi con i suoi inseparabili super sigari cubani, giunti in Italia espressamente per lui, attraverso il fornitore personale del barbuto leader maximo: Fidel Castro. Era solito regalare ai più bravi orologi ultrapiatti, che amava sfoggiare anche due alla volta e per i quali aveva una grande predilezione. Legherà il suo nome ad acquisti importanti, come quello di Dino Zoff ed a prestigiosi risultati come il secondo posto assoluto, un traguardo mai raggiunto prima.
Lasciata la presidenza del Napoli ad Antonio Corcione, si dedicò pienamente alla gestione del Sorrento di cui era diventato presidente alla conclusione del campionato di promozione campana 1966-67 che i rossoneri aveva concluso all’ultimo posto in classifica. Grazie al suo prestigio, Gioacchino Lauro riuscì a far ripescare la squadra in Promozione e subito dopo allestì una formazione di primordine in cui svettavano parecchi giocatori provenienti dal settore giovanile del Napoli, riuscendo ad ottenere la promozione in D al primo tentativo. Promozione bissata l’anno successivo battendo 1-0 la Turris nel decisivo spareggio giocato allo Stadio Flaminio di Roma.
Purtroppo proprio in quei giorni iniziarono a manifestarsi i primi sintomi del male incurabile che lo strappò prematuramente alla vita il primo maggio del 1970.

Share/Bookmark

Ciao Mario, vecchio cuore rossonero

sabato 8 febbraio 2020 0 commenti

È venuto a mancare l' amico fraterno Mario Damiano, direttore d'albergo e grande tifoso rossonero del vecchio Sorrento Calcio.
La penisola sorrentina sportiva si stringe attorno al dolore della famiglia Damiano ed esprime le più sentite condoglianze. Ciao Mario, vecchio cuore rossonero.
Grande amico di papà, uomo di altri tempi , appartiene a quella generazione di grandi lavoratori che ha permesso alla nostra città grandi traguardi nel mondo turistico-alberghiero .Ciao Mario, vecchio cuore rossonero...

articolo firmato Giovanni Di Prisco

Share/Bookmark

Ci lascia Salvatore Carbone terzino destro del Sorrento di Gioacchino Lauro

martedì 21 gennaio 2020 0 commenti

(Testo di Antonoino Siniscalchi)

Una malattia inesorabile lo aveva minato nel fisico, ma lo spirito e l'ironia dello scugnizzo napoletano erano rimasti intatti. Scomparso oggi Salvatore Carbone, classe 1946, mitico terzino destro del Sorrento che approdò in serie D nel 1967-68, con 27 presenze e una rete. Cresciuto nel vivaio del Napoli, era arrivato a Sorrento insieme a tanti giovanissimi della squadra azzurra. Il loro mentore fu Andrea Torino, coordinatore del settore giovanile del Napoli prima di seguire Gioacchino e Achille Lauro nella storica avventura rossonera conclusa con l'approdo in serie B nel 1970-71.
Lunghe chiacchierate sul filo dei ricordi. Pane, Carbone, Fiorile... come Sarti, Burgnich, Facchetti... I calciofili della mia generazione usavano sfidare il filo della memoria ricordando le formazioni delle squadre di calcio come un refrain. Salvatore Carbone nell'anno del campionato di Promozione fu uno dei protagonisti più brillanti. Quanta nostalgia per la formazione tipo del salto in serie D: Pane, Carbone, Fiorile, De Vita, Amicucci, Scamardella, Mian, Biasini, Forzelin, Di Spigno, Paone. Con loro i sorrentini Gaetano Mastellone, Salvatore Acampora, Lello Centro, Antonio Schisano, con l'attaccante Ascatigno a completare una rosa di categoria superiore, guidata da Gennaro Rambone.
Sul filo dei ricordi, Salvatore Carbone da allora diventò sorrentino per sempre. Lasciate le scarpe al chiodo, dopo le parentesi alla Puteolana e all'Alatri, si dedicò alla macelleria di famiglia a Napoli, poi al ruolo di autista di noleggio. L'ultimo saluto domani mattina alle ore 10 nella chiesa di Nostra Signora di Lourdes. Ciao Salvatore, mi rimane il rimpianto di non averti dato il piacere di pubblicare il secondo libro sulla storia del Sorrento. Torna presto la sera, li trovi anche Rambone. Le tue gesta da protagonista in maglia rossonera sono ricordate nel volune "Il Calcio a Sorrento, settant'anni di storia".

Foto di Gaetano Mastellone

Share/Bookmark

14 gennaio 1970 Sorrento-Milan 0-2

martedì 14 gennaio 2020 0 commenti


Esattamente 50 anni fa, il 14 gennaio 1970 al Campo Italia di Sorrento andava in scena l'incontro di calcio amichevole tra il Sorrento, da pochi mesi promosso in C e allenato da Gianni Todeschini e il Milan di Nereo Rocco.  A guardare le foto dell'epoca gli spettatori presenti erano molti di più dei 5000 che poteva contenere il piccolo impianto. Tribune stracolme. Gente anche sulle mura di cinta del'impianto e sui tetti delle case vicine. Il Milan si impose per 2-0 con reti di Giovanni Lodetti (28') e Pierino Prati (47').
Queste le formazioni schierate dai due tecnici: 
SORRENTO (1° tempo): Gridelli, Nazzi, Fiorile, Mamilovich, Savarese, Lorenzini, Ascatigno, Furlan, Formisano, Noletti, Bozza. Allenatore: Todeschini.
SORRENTO (2° tempo): Moscarella, Di Costanzo, Taccone, Biasini, Calonaci, Cicivizzo, Angrisani (62' Esposito), Costantino, Forzelin, Sarnacchiaro, Silvestri.
MILAN: Cudicini (46' Belli), Anquilletti (64' Riva), Schnellinger, Rosato (61' Maldera), Fontana, Trapattoni, Combin (63' Marchi), Lodetti (59' Fogli), Sormani, Rivera, Prati. Allenatore: Nereo Rocco
Arbitro dell'incontro Frasso di Capua

Nella foto sopra le due squadre fotografate insieme al centro del campo prima dell'inizio dell'incontro. Il Sorrento che veste anche esso i colori rossoneri per dovere di ospitalità giocò con una maglia di colore azzurro chiaro. 

Share/Bookmark

Ci lascia Nicola D'Alessio (91 anni) allenatore del Sorrento nella stagione della serie B

lunedì 23 dicembre 2019 0 commenti

Ci lascia Nicola D'Alessio (91 anni) allenatore del Sorrento nella stagione della serie B (1971-72). 
Al suo nome è legata la storica vittoria del Sorrento che batté il Napoli 1-0 in Coppa Italia con un gol di Paolino Bozza la sera del 29 agosto 71. 
Purtroppo nelle prime partite del campionato di serie B la squadra non andò bene e D'Alessio fu esonerato dopo 15 giornate al termine dell'incontro casalingo con il Como che il Sorrento perse 2-1. 
In 15 partite raccolse appena 6 punti frutto di 1 vittoria (2-0 al Livorno) e quattro pareggi (Reggina 2-2, Genoa 0-0, Modena 0-0 e Monza 0-0). Solo 5 gol segnati e ben 18 gol subiti
Fu sostituito da Pasquale Atripaldi.

Fonte: Antonino Siniscalchi

Share/Bookmark

ATLETICO SORRENTO GAME OVER

giovedì 21 marzo 2019 0 commenti

Con sommo rammarico dobbiamo informare gli sportivi sorrentini che anche in questo fine settimana le squadre  dell’Atletico Sorrento non scenderanno in campo nei previsti incontri dei campionati di Prima e Terza Categoria contro rispettivamente Fulgor San Giorgio e AC Marchesa.
Il presidente Antonino Schisano ha fatto tutto quanto era nelle sue possibilità per portare a termine nel migliore dei modi la stagione agonistica ma il venir meno di numerosi sponsor che gli avevano promesso il loro sostegno lo hanno costretto a lasciare liberi tutti gli atleti quando mancano da disputare parecchie giornate di gara in entrambi i tornei.
Queste le poche parole rilasciateci da Antonino Schisano: “Purtroppo quest'anno gli sponsor sono venuti a mancare anche perché ritengono che il calcio non porta nessun tornaconto, ed io da solo senza nessuno al fianco non posso più permettermi di andare avanti. Mi dispiace immensamente alla fine sono stato costretto a prendere questa decisione … ma non è finita qui, … un giorno ritornerò organizzando la società nel migliore dei modi”.
Schisano era entrato nel mondo del calcio tre stagioni fa partendo dalla Terza Categoria spinto esclusivamente dalla passione accorgendosi ben presto di essere una delle poche pecore bianche in un gregge di pecore nere che hanno come principale obiettivo quello di mettersi qualche soldo in tasca lucrando sulla passione altrui. All’inizio probabilmente il resto del gregge non gli aveva dato troppa importanza ma, quando dopo la seconda promozione consecutiva si sono resi conto che faceva sul serio e che voleva dare la scalata alle serie superiori per loro è diventato un concorrente pericoloso che andava fermato ad ogni costo. In pochi mesi gli hanno portato via sponsor e giocatori. Schisano è riuscito ad allestire in poco tempo una squadra competitiva per la categoria e a trovare nuovi sponsor e pensava forse di aver vinto la battaglia ma i suoi avversari non si sono dati per vinti riuscendo ancora una volta a prosciugargli il sostentamento degli sponsor, costringendolo alla resa. 
Ci sarebbe molto da aggiungere su questa ennesima amara vicenda che coinvolge il mondo del calcio penisnsulare ma per il momento meglio fermarsi qui

Share/Bookmark

Sant’Agnello Promotion-Atletico Sorrento più che una partita di calcio un regolamento di conti

domenica 10 marzo 2019 0 commenti


Quello che è accaduto oggi pomeriggio al Campo dei Pini di Sant’Agnello dove era in programma il’incontro tra Sant’Agnello Promotion e Atletico Sorrento è veramente incredibile e scandaloso.
Arrivati al campo per assistere all’incontro abbiamo trovato il cancello di ingresso chiuso ed una cinquantina di persone al di fuori. Quando finalmente, a partita già iniziata, siamo riusciti a parlare con un addetto della società e ci siamo fatti riconoscere chiedendogli anche di poter parlare con il presidente ci è stato risposto che l’incontro era a porte chiuse e potevano entrare solo gli autorizzati. Nel frattempo giungevano altre persone. Ad un certo punto alcuni di questi, a fine gara saranno quasi una ventina, hanno scavalcato la recinzione e sono entrati nella struttura senza essere ricacciati. Qualcun altro è stato fatto entrare direttamente attraverso il cancello. Solo allora ci si è resi conto che il divieto di ingresso valeva solo per i sostenitori rossoneri e per i testimoni indesiderati, quale evidentemente è stato considerato il sottoscritto. 
Quando finalmente è stato aperto il cancello, la partita era a pochi minuti dalla conclusione ed il risultato già di 3-0 in favore dei padroni di casa per cui siamo riusciti a ricostruire quello che è accaduto in campo solo attraverso il racconto dei presenti. A sentire i padroni di casa un incontro nettamente dominato che riscattava il 3-0 subito all’andata. Gli ospiti lamentavano invece di averne subite di tutti i colori, prima durante e dopo l’incontro ed a testimonianza di ciò segnalavano che erano potuti andare via dalla struttura di Via dei pini solo dopo l’intervento di Polizia e Carabinieri.  Più che una partita di calcio un regolamento di conti vero e proprio. Difficile credere che tutto quello che ci è stato riportato sia veramente accaduto ma una minima lo è senza alcun dubbio perché abbiamo potuto sentirlo con le nostre orecchie mentre ci trovavamo a poca distanza dagli spogliatoi. Fatti che non hanno nulla a che vedere con il mondo dello sport e che vanno sicuramente censurati. 
Episodi che pensavamo non potessero verificarsi qui in penisola dove più o meno ci conosciamo tutti. Una faida che non ha nessun motivo di esistere e che non si capisce da cosa possa essere derivata in cui alla fine sono stati coinvolti pure gli ignari spettatori. 

Share/Bookmark

Delude l’Atletico, sconfitto in casa dallo Sparta

lunedì 4 marzo 2019 0 commenti

Atletico Sorrento-Sparta San Gennaro 2-3

Atletico Sorrento (4-3-3): Cuomo; Nasta (85’ Coppola), Longobardi A., Longobardi G., Inserra; Borrelli, Salzano, Spera (70’ Miccio); Cirillo, Gallifuoco, Vacca. A disposizione: De Martino, Vitale, Russo. Allenatore: Barba. 
Sparta San Gennaro (4-5-1): Rastello; Colombo, Di Donna, Capasso, Ianniello; Ammirati (90’ Manzi), Nuzzolese, Langella, Ilardi, Massa; Auricchio. A disposizione: Sekoum. Allenatore: Peluso. 
Arbitro: Bouabdallah di Caserta.
Reti: 34’ Ilardi (SSG), 45’+1 Ammirati (SSG), 56’ Langella (SSG), 58’ Vacca (S), 86’ Salzano (S).
Ammoniti: Cirillo, Longobardi G. (S); Rastiello, Massa, Ammirati, Nuzzolese (SSG). 

Pomeriggio da dimenticare per l’Atletico Sorrento che perde 3-2 in casa con lo Sparta San Gennaro ed esce dalla zona playoff. 
In queste ultime settimana la squadra rossonera ha fornito prestazioni molto al di sotto degli standard cui ci aveva abituato nel girone di andata ma nel risultato di questo incontro ha pesato come un macigno l’errore commesso dall’arbitro Bouabdallah di Caserta nei primi minuti di gioco quando non ha visto il netto fallo di mano di un difendente dello Sparta su tiro a botta sicura di Giuseppe Longobardi. Una mano che ha impedito al pallone di entrare in rete deviandolo oltre la linea di fondo a fil di palo, ma l’arbitro non si è proprio accorto di questa deviazione tanto e vero che ha fatto riprendere il gioco con una rimessa dal fondo.
Defraudati da un calcio di rigore a favore apparso colossale i rossoneri hanno continuato disperatamente a cercare la rete del vantaggio senza quella spregiudicatezza che li aveva assistiti in altre occasioni andando puntualmente a cozzare contro la muraglia predisposta dallo Sparta San Gennaro finendo per ritrovarsi addirittura ad inseguire dal 34’ in poi in seguito alla rete messa a segno da Ilardi, pronto a catapultarsi su un pallone smorzato dalla barriera rossonera su un calcio di punizione dai 20 metri di Langella, e a trafiggere Cuomo da posizione defilata.
I rossoneri provavano a reagire a testa bassa ma venivano ulteriormente puniti in pieno recupero da una percussione insistita di Ammirati che vinceva alcuni contrasti in area rossonera e arrivato a tu per tu con Cuomo lo infilzava facendogli passare il pallone tra le gambe.
Ad inizio ripresa dopo dieci minuti di sterile offensiva rossonera lo Sparta San Gennaro aumentava ulteriormente il proprio bottino con una bella azione manovrata conclusa dal tiro di Langella che si insaccava in rete dopo aver colpito il palo interno della porta difesa da Cuomo. 
A quel punto si è temuto che l’Atletico potesse sfaldarsi ulteriormente e la partita finire in goleada per lo Sparta, ma alla ripresa del gioco come per incanto Salzano ha tirato fuori dal proprio repertorio un lancio di  trenta metri permettendo a Vacca di battere per la prima volta Rastello.
Da quel momento in poi la partita ha cambiato nuovamente andamento. I rossoneri si sono riversati all’attacco con più convinzione mentre quelli dello Sparta si limitavano soltanto a distruggere e a perdere tempo. A quel punto visto il risultato forse Barba avrebbe dovuto anticipare gli ingessi in campo di Miccio e Coppola ma visto che in panchina non aveva altro non se la è sentita di azzardare la mossa. Fatto sta che subito dopo l’ingresso di Coppola avvenuto all’85’ i rossoneri si sono procurati un calcio di punizione dal limite che Salzano ha trasformato in rete con una splendida conclusione che si è insaccata all’incrocio dei pali. 
Ci sarebbe stato ancora tempo per la clamorosa rimonta ma quelli dello Sparta sono riusciti a far si che nei minuti finali e nel recupero il pallone rimanesse in gioco il meno possibile, riuscendo a portare a casa una vittoria immeritata, agevolati dall'arbitro che invece di adottare provvedimenti per imporgli di accelerare il gioco ha pensato bene di spedire negli spogliatoi Barba che protestava per le continue perdite di tempo degli ospiti. 

Share/Bookmark

Rossoneri fermati sul pari a Sant’Anastasia

domenica 24 febbraio 2019 0 commenti


Sant’Anastasia-Atletico Sorrento 1-1

Sant’Anastasia: Anastasio, Sautto, Lucignano, Giannone, Momo, Busiello, Mosa, Ferrandino, Esposito, Foresta. A disposizione: Scognamiglio, Liguoro, Pane, Iazzetta, De Angelis, De Simone, Scarpa, Tufano, Acampora. Allenatore: Mele.
Atletico Sorrento (4-3-3): Cuomo; Orsini, Longobardi A., Longobardi G., Inserra; Spera (80’ Miccio), Salzano, Borrelli; Coppola, Gallifuoco, Vacca. A disposizione:  De Martino, Vitale, Russo. Allenatore: Barba.
Arbitro: Acunzo di Castellamare di Stabia.
Reti: 37’ Giannone (SA), 50’ Longobardi G. (S).
Ammoniti: Sautto (SA); Longobardi A., Spera (S). Espulso al 50’ Sautto (SA) per doppia ammonizione.

I rossoneri tornano dalla trasferta di Sant’Anastasia con un solo punto in saccoccia. Il proposito di fare bottino pieno contro una delle squadre più deboli del girone è andato ad infrangersi contro le difficoltà causate dalle cattive condizioni atmosferiche in cui si è svolto il match. A rovinare i piani dei sorrentini è stato soprattutto il forte vento che rendeva ancora più incontrollabile il pallone che già era difficile governare adeguatamente visto il pietoso stato del campo di gioco in terra battuta. Da non trascurare anche i numerosi errori commessi sotto porta dagli attaccanti rossoneri che hanno più volte graziato Anastasio permettendogli di concludere l’incontro con un solo gol al passivo. 
I padroni di casa dopo aver rischiato più volte di capitolare durante la prima mezzora di gioco, passavano inaspettatamente in vantaggio al 37’ con una rete di Giannone. Il gol subito innervosiva ulteriormente i rossoneri, compromettendone ancor di più la manovra. Ad inizio ripresa su azione d’angolo Giuseppe Longobardi riusciva ad ottenere il gol del pareggio. Nella stessa azione i padroni di casa rimanevano in dieci uomini a causa dell’espulsione per doppia ammonizione di Sautto.
Pur giocando con un uomo in più per quasi tutto il secondo tempo i rossoneri non riuscivano a mettere a segno la rete della vittoria. Oltre alle numerose le occasioni da rete sprecate, ci si metteva anche l’arbitro che, temendo forse di poter incorrere nelle ire dei padroni di casa già notevolmente incattiviti dalla espulsione subita, sorvolava su alcuni episodi dubbi in area anastasiana, e interrompeva più volte le azioni offensive dei rossoneri fischiando il fuorigioco ad ogni lancio in profondità. 

Share/Bookmark

Finale pirotecnico tra Atletico Sorrento e Anacapri: 4-3 per i rossoneri

domenica 17 febbraio 2019 0 commenti


Atletico Sorrento-Anacapri 4-3

Atletico Sorrento (4-3-3): Cuomo; Orsini, Longobardi G., Longobardi A., Inserra; Spera, Salzano, Sorrentino (83’ Borrelli); Cirillo (71’ Coppola), Gallifuoco, Vacca. A disposizione: De Martino, Piacente, Russo, Vitale, Nasta, Miccio. Allenatore: Barba. 
Anacapri (4-3-3): De Rosa; Cipolletta (83’ Mellino), Esposito, Notari, Viva; Buondonno, Ruggiero (46’ Politano), Parlato; Iovino, Federico, Coppola. A disposizione: Aversa, Palumbo, Fiorentino, Galasso, Usai. Allenatore: Staiano.
Arbitro: Vitiello di Torre del Greco.
Reti: 12’ Vacca (S), 82’ Gallifuoco (S), 85’ Esposito (A), 87’ Coppola (S), 89’ Notari (A), 93’ Vacca (S), 95’ Coppola (A).
Ammoniti: Cirillo, Longobardi G., Sorrentino (S); Buondonno (A). 
Allontanati dalla panchina entrambi i tecnici. Staiano nel corso del primo tempo, Barba ad inizio ripresa.   

Incredibile quarto d’ora conclusivo tra l’Atletico Sorrento e Anacapri. Un incontro che fino all’82’ era ancora sul risultato di 1-0 per i rossoneri,si conclude con il risultato di 4-3 facendo registrare 6 gol in appena 13 minuti.
Un incontro tra due formazioni che si temevano a vicenda iniziato al piccolo trotto con l’Anacapri dotato di maggior prestanza fisica che teneva il baricentro alto e i rossoneri arroccati davanti a Cuomo che agivano con veloci ripartenze sfruttando l’intesa tra il terzetto avanzato composto da Cirillo, Gallifuoco e Vacca e il regista Salzano. I rossoneri sfioravano il vantaggio all’11’ con un tiro dal limite di Gallifuoco che faceva la barba alla parte superiore della traversa e lo ottenevano meno di sessanta secondi con una percussione dal lato sinistro dell’area di Vacca che riusciva a battere De Rosa con un forte tiro quasi dalla linea di fondo che terminava la propria traiettoria all’incrocio dei pali opposto. Nel corso del primo tempo erano ancora i rossoneri ad andare più volte vicini al raddoppio con lo stesso Vacca e con Gallifuoco e Cirillo che si dimostravano poco concreti nel concludere in porta. 
Il secondo tempo iniziava con una fiammata in attacco dei rossoneri che sfioravano due volte la segnatura nell’arco di pochi secondi prima con una conclusione dal limite di Sorrentino deviata in corner da De Rosa con un piede e poi con un colpo di testa di Inserra sul cross dalla bandierina che terminava di poco alto a portiere battuto. Col passare i rossoneri arretravano ulteriormente il proprio baricentro mentre l’Anacapri aumentava la propria pressione. Contemporaneamente si assisteva anche ad un inasprimento del gioco la cui causa era da ricercare nelle numerose decisioni errate del direttore di gara che finivano per esasperare gli animi. Ne facevano le spese i due tecnici entrambi allontanati dalla panchina. Al 62’ Anacapri vicinissimo al pareggio con un tiro da fuori di Politano che Cuomo deviava in volo mandandolo a colpire il palo. Nei minuti seguenti Cuomo veniva chiamato nuovamente ad intervenire per sventare conclusioni di minore pericolosità. Si arrivava così all’82’ quando Vacca entrava in area da sinistra dopo aver dribblato un avversario e poi serviva un assist al bacio per Gallifuoco che faceva secco De Rosa. 2-0 e partita decisa? Nemmeno per sogno. L’Anacapri decideva infatti di riversarsi in massa in avanti e veniva premiato dall’arbitro che gli regalava un calcio di punizione dal lato corto dell’area di rigore. Sul cross Esposito di testa batteva Cuomo. Appena il tempo di rimettere la palla al centro e l’Anacapri si riversava nuovamente in avanti ma era trafitto da una ripartenza di Gallifuoco che poi mandava in porta Coppola bravo a superare De Rosa con un irridente pallonetto. L’Anacapri però non si dava per vinto e all’89’ riusciva ad ottenere la seconda rete con un tiro da fuori di Notari che ingannava Cuomo a causa di una deviazione. A recupero già iniziato Vacca si vedeva deviare in corner con il piede da De Rosa una conclusione dal limite. Passavano pochi secondi e conclusione dell’ennesimo contropiede era lo stesso Vacca a firmare il 4-2 per i rossoneri. Anacapri caparbio ancora in avanti riduceva nuovamente le distanze al 95’ con Coppola. Nemmeno il tempo di rimettere la palla al centro e finalmente arrivava il fischio di chiusura dell’incontro e i rossoneri potevano festeggiare meritatamente la vittoria. 
Rammarico per il clima di tensione che si venuto a creare nell’ultimo quarto di gara. Purtroppo non è la prima volta che la direzione di gara viene affidata ad arbitri inesperti poco più che ragazzini che vengono mandati allo sbaraglio dal designatore e si trovano a dover dirigere giocatori che potrebbero tranquillamente essere i loro padri lasciandosi condizionare dalle loro proteste. Se proprio si vuole far fare esperienza a questi ragazzi che almeno li si accompagni con un tutor o qualcuno che li difenda dalle angherie dei contendenti. 

Share/Bookmark

L’Atletico Sorrento riprende la corsa, rifilando 5 reti alla Pompeiana

sabato 9 febbraio 2019 0 commenti


Pompeiana-Atletico Sorrento 0-5

Pompeiana: Di Prussia, Caliendo, Righi, De Riso (55’ Marino F.), Sforza, Matarozzi, Mandato, Boccia, Vecchione, De Felice V., Prisco. A disposizione: Caccavale, Giliberti, Morra, De Felice M. Allenatore: Pierro. 
Atletico Sorrento: Di Martino; Orsini (70’ Borrelli), Nasta, Longobardi A., Inserra (80’ Russo); Sorrentino, Coppola, Spera; Miccio, Gallifuoco, Piacente (78’ Cirillo). A disposizione: Cuomo, Vitale. Allenatore: Barba.
Arbitro: Simone Longobardi di Castellamare di Stabia
Reti: 10’ Gallifuoco (S), 20’ Gallifuoco (S), 26’ Gallifuoco (S), 80’ Coppola (S), 85’ Gallifuoco (S).
Ammoniti: Vecchione, De Riso, Righi, Boccia, Caliendo (P); Gallifuoco (S).

Dopo tre passaggi a vuoto che hanno complicato una posizione di classifica fino ad allora eccellente l’Atletico Sorrento riprende la rincorsa alla zona playoff rifilando 5 reti al fanalino di coda Pompeiana. Mattatore di giornata il bomber Maurizio Gallifuoco autore di ben 4 reti grazie alle quali sale a quota 24 rafforzando la vetta nella classifica cannonieri del girone. La rete mancante è stata messa a segno dall’esordiente Francesco Coppola che oggi ha giocato al posto di Valerio Salzano. 
In settimana l’Atletico Sorrento recupererà l’incontro con l’Agerola che non fu possibile giocare il 6 gennaio scorso a causa delle cattive condizioni atmosferiche. Domenica prossima il big match casalingo con l’Anacapri.

Share/Bookmark

Atletico Sorrento irriconoscibile, il Massa vince facile

sabato 26 gennaio 2019 0 commenti

Massalubrense-Atletico Sorrento 3-0

Massalubrense (4-3-3): Gargiulo II; Vanacore I, Siniscalchi, D’Esposito, Aprea; Gargiulo I (87’ Vinicio), Schettino (80’ De Maio), Vanacore N.; Volpe (76’ Lavia), Marino (82’ Balduccelli), De Stefano. A disposizione: De Martino, Gargiulo S., Alfano, Remigio, De Rosa. Allenatore: Aiello (squalificato).
Atletico Sorrento (4-3-3): Cuomo; Orsini (73’ Vitale), Nasta, Longobardi A., Inserra; Satariano (46’ Spera), Salzano, Borrelli, Piacente (56’ Di Leva), Gallifuoco, Cirillo. A disposizione: De Martino, Amuro, Attardi, Russo, Cacace. Allenatore: Barba (squalificato).
Arbitro: Pignalosa di Ercolano.
Reti: 15’ Marino (M), 45’+1 Gargiulo I (M), 65’ Volpe (M).
Ammoniti: Schettino, Gargiulo I, Volpe (M); Borrelli, Nasta, Orsini (S).
Note: Gli allenatori di entrambe le squadre, essendo squalificati, hanno assistito all’incontro dalla tribuna a pochi metri l’uno dall’altro.

Risultato a sorpresa al Marcellino Cerulli di Massa Lubrense dove i padroni di casa si sono imposti meritatamente con un netto 3-0 su un Atletico Sorrento che era solo l’opaca controfigura della bella squadra vista all’opera in altre occasioni.
L’undici rossonero, forse ancora con la mente all’immeritata sconfitta subita sabato scorso ad opera del San Sebastiano non è mai entrato in partita. Una squadra spenta ed inconcludente, poco concentrata e per niente determinata che sbagliava anche gli appoggi più facili finendo per regalare continuamente il possesso palla agli avversari. Irriconoscibili anche i gioiellini Salzano e Gallifuoco, incapaci anche loro di spronare i compagni, ridestandoli dal loro inaspettato torpore. Tutt’altra determinazione quella del Massalubrense che è partito subito a mille, riuscendo ad ottenere la rete del vantaggio al 15’ a conclusione di un azione insistita che ha liberato al tiro Gargiulo. Cuomo tuffandosi alla sua sinistra riusciva a respingere ma sul pallone si avventava Marino che insaccava di testa a porta vuota. 
Inesistente la reazione dei rossoneri che anzi rischiavano di subire ancora al 23’ quando Gargiulo faceva 40 metri palla al piede senza trovare opposizione ma poi concludeva debolmente permettendo a Cuomo di salvarsi in corner e al 32’ quando Nasta si lasciava superare ingenuamente da Volpe costringendo Cuomo ad un’uscita disperata per evitare la segnatura. L’unico lampo di marca rossonera al 44’ quando Gallifuoco di impossessava del pallone sulla trequarti e tirava a rete dai 25 metri indirizzando il pallone all’incrocio dei pali ma Gargiulo riusciva ad arrivarci e deviava oltre la traversa. Sul capovolgimento di fronte Schettino difendeva vittoriosamente il possesso del pallone in mezzo a quattro rossoneri e indovinava un passaggio filtrante per Gargiulo che non aveva difficoltà a realizzare la rete del 2-0.
Ad inizio secondo tempo mister Barba ha cercato di risollevare le quotazioni dei propri uomini inserendo Spera e Di Leva al posto degli inconcludenti Satariano e Piacente ma la mossa non ha prodotto l’effetto sperato. Al 57’ un intervento sbagliato di Orsini dava via libera a Nico Vanacore che giunto di fronte a Cuomo lasciava partire un forte tiro colpendo la traversa. Al 65’ l’ennesimo buco della difesa rossonera permetteva a Volpe di infilare per la terza volta il pallone nella porta difesa da Cuomo. Nel finale di tempo Gallifuoco con un azione insistita riusciva ad intrufolarsi in area massese ma la conclusione non era altrettanto efficace e terminava lontana dai pali. 

Share/Bookmark

Atletico Sorrento col San Sebastiano sconfitta rocambolesca

sabato 19 gennaio 2019 0 commenti


San Sebastiano-Atletico Sorrento 2-1

San Sebastiano: Martucci, Cozzolino, Schetter (49’ Martinelli), Tufano, Esposito, De Rosa, Infantozzi, Medina (51’ Qualano), Dos Santos, Di Tuccio (75’ Alberto), De Finizio (56’ Bifaro). A disposizione: Grenni, Riccardi, Cocchio, Borrelli, Imparato. Allenatore: Perna. 
Atletico Sorrento: Cuomo; Longobardi A., Longobardi G., Nasta; Orsini, Borrelli (80’ Vitale), Salzano, Sorrentino, Inserra; Cirillo (64’ Piacente), Miccio. A disposizione: De Martino, Attardi, Russo, Di Leva, Russo, Amuro. Allenatore: Barba.
Arbitro: Rotondo di Castellamare di Stabia.
Reti: 8’ Salzano (S), 55’ Di Tuccio (SS) rigore, 62’ Martinelli (SS).
Ammoniti: Martinelli e Qualano (SS); Borrelli (S). Espulsi: 32’ Miccio (S) e 91’ Sorrentino (S).

L’Atletico Sorrento perde 2-1 l’incontro in trasferta con la capolista San Sebastiano. Il risultato finale tuttavia è stato pesantemente influenzato da alcune decisioni arbitrali, apparse ai più incomprensibili. Si trattava di un incontro importante tra due squadre reduci entrambe da una lunga striscia di vittorie consecutive. Sarebbe stato logico affidarlo ad un arbitro di provato valore, quello che certamente ha dimostrato di non essere il signor Rotondo di Castellamare di Stabia che con le sue decisioni ha rovinato l’incontro  penalizzando pesantemente la compagine costiera, che ha comunque dimostrato, nonostante le pesanti assenze di Gallifuoco e Vacca di poter reggere ampiamente il confronto con la capolista San Sebastiano.

Segue il commento trasmessoci dall’ottimo ed imparziale Maurizio Longhi che ringraziamo vivamente per la gentile collaborazione

L’Atletico Sorrento è uscito senza punti dal “Borsellino” di Volla nel big match contro la capolista San Sebastiano, ma il protagonista assoluto è stato l’arbitro, autore di topiche inenarrabili che hanno orientato il risultato finale in favore degli uomini di casa. I costieri sono passati in vantaggio grazie ad una prodezza da applausi di Salzano che, vedendo il portiere fuori dai pali, ha lasciato partire una parabola da centrocampo che s’è spenta in fondo al sacco. Un gesto degno di ben altra categoria, un numero d’alta scuola da far strabuzzare gli occhi. Non era neanche scoccato il 10’ di gioco, il San Sebastiano faceva la partita, ma la squadra di Barba difendeva benissimo il vantaggio con una organizzazione tattica di ottimo livello, tant’è che i padroni di casa si rendevano pericolosi solo con calci piazzati e con qualche conclusione dalla distanza. Per il resto, i rossoneri concedevano davvero poco prima che si registrasse un episodio che ha cambiato la partita: non si è capito il motivo per cui sia stato estratto il rosso per l’intervento falloso di Miccio con l’azione che si sviluppava a centrocampo. Non si sa l’arbitro cosa abbia visto, se gli ospiti avevano impostato una partita di rimessa, da quel momento non avevano altra scelta che quella del bunker a presidio della propria area.

Dopo la prima frazione, nella ripresa, come prevedibile, è sceso in campo un San Sebastiano a trazione anteriore con l’obiettivo di pervenire al pareggio, arrivato grazie ad un’altra chiamata inspiegabile dell’arbitro che ha fischiato un calcio di rigore per un fallo di mani chiaramente involontario e fortuito. Dagli undici metri, Di Tuccio ha trafitto Cuomo firmando il gol del pari al 55’ con ancora un secondo tempo intero da giocare. L’errore dell’Atletico Sorrento era stato quello di abbassarsi troppo e di farsi schiacciare ma, facendo tanta densità nella propria metà campo, gli uomini di Perna faticavano a trovare spazi. Quel rigore molto discutibile, sommato alla sconcertante espulsione di Miccio, aveva inevitabilmente finito con l’innervosire sia i giocatori peninsulari che la panchina, con mister Barba invitato a lasciare il campo da un direttore di gara in confusione totale. In quella situazione, quasi ci si aspettava il gol della capolista, arrivato con un colpo di testa di Bifaro, pronto a capitalizzare uno spiovente dalla destra. L’Atletico Sorrento, pur orfano di tanti elementi tra cui la stella Gallifuoco, ha mantenuto la dignità fino alla fine perdendo di misura senza uscire ridimensionato.

Non è mai carino appellarsi agli errori dell’arbitro come a volersi trovare l’alibi, ma quando si è in vantaggio in casa della capolista e ci si ritrova con un uomo in meno e con un rigore generosissimo assegnato agli avversari, allora ci si sente impotenti. Complimenti anche al San Sebastiano che ha reagito al gol subito a freddo, non perdendo mai lucidità riuscendo a ribaltare il risultato nella ripresa e consolidando il primato. Ma l’Atletico Sorrento visto in quel di Volla ha dimostrato di non avere alcunché da invidiare ad una corazzata come quella vesuviana, il campionato non è ancora chiuso, c’è un intero girone da giocare e questa squadra merita fiducia. Nel finale, l’arbitro ha espulso, presumibilmente per proteste, anche Sorrentino, autore di una bella partita, lasciando l’Atletico Sorrento in nove uomini rendendo una mera formalità i cinque minuti di recupero. Al di là delle dissennatezze arbitrali, è stata una bella partita tra due buone squadre, il San Sebastiano ha dimostrato di essere una squadra di grande qualità e con individualità importanti, mentre i costieri fanno della compattezza e della disciplina le loro armi principali, il che fa pensare ad un gruppo in perfetta sintonia con l’allenatore.

Maurizio Longhi

Share/Bookmark

Con il Santa Maria Assunta quinto successo consecutivo per l’Atletico Sorrento. Gallifuoco ne fa due (20 in totale)

lunedì 14 gennaio 2019 0 commenti

Atletico Sorrento-Santa Maria Assunta Pompei 3-0

Atletico Sorrento (4-3-3): Cuomo; Orsini (87’ Vitale), Longobardi G., Nasta, Inserra; Borrelli (78’ Cacace), Salzano, Sorrentino (89’ Russo); Cirillo (83’ Piacente), Gallifuoco, Vacca (85’ Maresca). A disposizione: De Martino. Allenatore: Barba.
Santa Maria Assunta Pompei (4-3-3): Altieri I; Sorrentino I, Negrone I, Negrone II, Malafronte; Matrone II, Sorrentino II (52’ Alfano), Porzio (60’ Gjoka); De Simone, Matrone I, Altieri II (70’ Coppola). A disposizione: De Lisio, Panariello. Allenatore: Milito.
Arbitro: Pecoraro di Salerno.
Reti: 33’ Cirillo (S), 45’ + 2 Gallifuoco (S), 82’ Gallifuoco (S) rigore.
Ammoniti: Nasta (S); Malafronte, Sorrentino I, Negrone II, Altieri II (P). Espulso: 71’ Sorrentino I (P) per doppia ammonizione. 

Continua la striscia vincente dell’Atletico Sorrento che,  si dimostra ancora una volta più forte della sfortuna che lo perseguita e di chi cerca con tutti i mezzi di boicottarlo, e battendo 3-0 il Santa Maria Assunta Pompei ottiene la quinta vittoria consecutiva e compie un ulteriore passo in avanti verso la vetta del girone C della Prima Categoria Campana. Al momento, con l’incontro non giocato il 5 gennaio scorso ad Agerola causa avverse condizioni atmosferiche ancora da recuperare (si giocherà il 13 febbraio) la squadra rossonera è a tre punti dal secondo posto e a sei dalla capolista San Sebastiano. 
Capitolo sfortuna: il presidente Schisano è riuscito anche questa volta a porre rimedio alla maledizione che sembra volersi accanire contro gli esterni d’attacco. Salutato anzitempo Antonio Romano che si è trasferito al nord Italia per intraprendere una nuova attività lavorativa, sono arrivati gli infortuni a catena che hanno colpito Gianluca Varriale (menisco), Paolo Romano (legamento crociato), e Gaetano Miccio (distorsione). Gli innesti di Matteo Cirillo, Giovanni Nasta e Alessandro Piacente, tutti e tre già in campo ieri sera, permetteranno ai rossoneri di colmare definitivamente i vuoti di organico che ancora sussistevano.
Contro il Santa Maria Assunta almeno inizialmente si è dovuto combattere anche con il fondo sintetico reso viscido dalla pioggia caduta prima dell’inizio dell’incontro che agevolava la tattica difensivistica degli ospiti che mantenevano sistematicamente almeno nove giocatori tra la loro porta e il pallone. Prima mezzora senza alcuna occasione. Il risultato si schioda grazie ad una iniziativa di Vacca che parte in percussione da metà campo creando scompiglio nella difesa ospite per poi innescare Gallifuoco che giunto davanti al portiere lo scavalca con un pallonetto. Un difensore riesce ad intervenire poco prima che il pallone entra in rete, ma dopo un breve batti e ribatti la sfera finisce sui piedi di Matteo Cirillo che stoppa e tira in porta realizzando la rete dell’uno a zero. 
La reazione dei pompeiani è quasi inesistente e nei minuti di recupero del primo tempo i rossoneri mettono a segno la rete del 2-0 con Maurizio Gallifuoco che ricevuto il pallone da Valerio Salzano lo porta avanti facendolo passare con un colpo di tacco sopra la testa di un difensore per poi battere il portiere con un preciso diagonale che si insacca a fil di palo.  Un gol di rara bellezza molto simile a quello realizzato da Nando Scarpa in un famoso incontro con la Salernitana di tanti anni. 
Secondo tempo senza storia con i rossoneri che riescono agevolmente a controllare il doppio vantaggio lasciando quasi inoperoso il portiere Cuomo. Nel finale, dopo che i pompeiani sono rimasti in dieci causa l’espulsione per doppia ammonizione  del difensore Luigi Sorrentino, Maurizio Gallifuoco realizza la terza rete all'82' trasformando un calcio di rigore. 
Con le due realizzate contro il Santa Maria Assunta siamo già a 20 in 13 partite. Il record di 29 reti realizzate da Carlo Cuomo nella stagione 1963-64 a questo punto rischia seriamente di essere battuto.

Share/Bookmark

Agerola-Atletico Sorrento rinviata per neve

venerdì 4 gennaio 2019 0 commenti

Il Comitato Regionale Campania della FIGC, preso atto che le condizioni climatiche che attualmente stanno interessando diverse zone della nostra regione hanno subito un notevole peggioramento, tutt’ora in corso e che rendono alcune strade intransitabili o comunque percorribili con notevoli rischi e difficoltà; considerato che in primo luogo bisogna tutelare e salvaguardare la sicurezza di tutti gli addetti ai lavori (dirigenti, atleti, arbitri, ecc.), nonché la regolarità delle competizioni; ha determinato il rinvio di numerose gare organizzate nell’ambito del C.R. Campania che si sarebbero dovute disputare nel fine settimana del 5 e 6 gennaio 2019. Tra queste anche l’incontro del Girone C della Prima Categoria, Agerola-Atletico Sorrento che si sarebbe dovuto disputare sabato 5 gennaio con inizio alle ore 14.30 al Campo San Matteo di Agerola.
Al momento in cui scriviamo non è stata ancora stabilita la data del recupero.

Share/Bookmark

Atletico Sorrento, complicato successo sul Terzigno

domenica 23 dicembre 2018 0 commenti

Atletico Sorrento-Terzigno 4-2

Atletico Sorrento (4-3-3): Cuomo; Orsini, Longobardi G., Longobardi A., Inserra; Spera, Salzano, Sorrentino; Romano P. (91’ Satariano), Gallifuoco (90’ Scotto), Vacca (85’ Borrelli). A disposizione: De Martino, Vitale, Maresca, Cacace, Miccio. Allenatore: Barba.
Terzigno: Paparo, Sansone (91’ Girardi), Durazzo, Cimmino, Cuomo, Salvatore (87’ Annunziata A.), Casillo (80’ Annunziata G.), Zambrano, Pascucci, Palumbo, Puglisi. A disposizione: Uliano, Avino, Manfuso. Allenatore: Somma.
Arbitro: Cesarano di Torre Annunziata.
Reti: 2’ Gallifuoco (S), 15’ Gallifuoco (S), 33’ Palumbo (T) rig., 38’ Palumbo (T), 60’ Salzano (S), 80’ Sorrentino (S).
Ammoniti: Vacca, Orsini, Salzano, Sorrentino, Longobardi G., Gallifuoco (S); Cuomo, Salvatore, Palumbo (T). Espulso: 65’ Longobardi A. (S).

L’Atletico Sorrento supera 4-2 il Terzigno e compie altri tre passettini verso il vertice della graduatoria. Attualmente i rossoneri sono quarti con 24 punti, cinque in meno della capolista Sant’Agnello Promotion, tre in meno della coppia San Sebastiano e Sporting Campania. 
Quella con il Terzigno però non è stata certamente la migliore prestazione dei rossoneri sorrentini che passati in vantaggio già al 2’ con una rete di Maurizio Gallifuoco su imbeccata vincente di Paolo Romano, si portavano sul 2-0 al 15’ quando lo stesso Gallifuoco era lesto ad anticipare Salvatore sottraendogli il pallone passatogli dal portiere, entrava in area, scartava il portiere e depositava il pallone in rete. A questo punto l’incontro sembrava già chiuso, ma la squadra ospite con astuzia e mestiere riusciva a trarre vantaggio delle incertezze mostrate dal giovane direttore di gara riuscendo a condizionare l’operato dello stesso arbitro e di riflesso a creare nervosismo e confusione fra le fila rossonere. Al 33’ il Terzigno accorciava le distanze con Palumbo che trasformava un calcio di rigore concesso in seguito ad un fallo di Orsini sullo stesso Palumbo. Cinque minuti dopo lo stesso Palumbo otteneva il 2-2 risolvendo di prepotenza una intricata azione in area sorrentina. Più minuti passavano, più aumentava la percezione che l’arbitro non fosse capace di tenere in mano le redini dell’incontro. Al 60’ i sorrentini passavano nuovamente in vantaggio grazie ad un magistrale calcio di punizione dal limite di Valerio Salzano che depositava il pallone all’incrocio dei pali alla destra del portiere. La tensione in campo aumentava ulteriormente e cinque minuti dopo l’arbitro interveniva per sedare un battibecco tra Giuseppe Longobardi e il difensore ospite Cuomo ammonendo entrambi. Nella vicenda si inseriva anche il capitano sorrentino Alfonso Longobardi che redarguiva energicamente il fratello reo di aver risposto alle provocazioni avversarie ma l’arbitro interpretava la scena a modo suo e mostrava il cartellino rosso al capitano sorrentino. Venutisi a trovare con un uomo in meno i ragazzi dell’Atletico riuscivano fortunatamente a ritrovare un pizzico di concentrazione e a riprendere in mano il comando del gioco riuscendo anche a mettere al sicuro l’incontro con la quarta rete messa a segno da Pasquale Sorrentino all’ 80’ su assist di Paolo Romano. A questo punto quelli del Terzigno si rendevano conto di non essere più in grado di recuperare lo svantaggio e desistevano da ogni ulteriore velleità offensiva permettendo all’incerto arbitro di portare a conclusione l’incontro. 

Share/Bookmark

DISCLAIMER - Penisola Sport è un blog d’informazione senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento. La testata ambisce ad essere una piena espressione dell'art. 21 della costituzione italiana. Pur essendo normalmente aggiornato più volte quotidianamente, non ha una periodicità predefinita e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.