Visualizzazione post con etichetta CALCIO. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta CALCIO. Mostra tutti i post

L’Atletico Sorrento batte 4-3 il Victoria Marra riscattando la sconfitta del girone di andata

domenica 18 febbraio 2018 0 commenti


Victoria Marra-Atletico Sorrento 3-4

Victoria Marra: Battaglia, Cavallaro, Notangelo, Ferraioli, Palladino, Balzano (70’ Porzio), Cimitile, Cirillo (78’ Iennaco), Russo, Collaro, Carillo. A disposizione: Menyuk, Casillo, Jerry, Ascolese, Polo. Allenatore: Aquino 
Atletico Sorrento: Armano; Arcucci, Veropalumbo, Schiazzano; De Maria, Longobardi (80’ Ruocco), Satariano (85’ Ferrara), Russo; Di Gregorio (53’ Di Leva); Iovino, Solimene (52’ Mantice). A disposizione: Palomba, Iaccarino, Bisogno, (manca il secondo portiere). Allenatore: Ferrara.
Arbitro: Teletta di Torre del Greco.
Reti: 10’ Russo (M), 11’ Iovino (S), 27’ Solimene (S), 29’ Russo (M), 34’ Iovino (S), 41’ Collaro (M) rigore, 50’ Solimene (S). 
Ammoniti: Ferraioli, Palladino, Balzano, Cirillo, Collaro e Porzio (M); De Maria, Arcucci e Longobardi (S).

Importante successo per l’Atletico Sorrento che incamera tre punti su un campo difficile come quello del Victoria Marra Scafati e mantiene la testa della classifica. Un avversario scorbutico che all’andata era stato capace di vincere al Campo Italia e che oggi ha segnato tre reti alla difesa dei rossoneri che fin qui in tutto il campionato ne aveva incassato solo quattro. Una girandola di reti iniziata dallo scafatese Russo al 10’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Appena il tempo di rimettere la palla al centro e Iovino faceva 1-1. Al 27’ rossoneri in vantaggio con Michele Solimene ma due minuti dopo era ancora Russo, anche questa volta su cross dalla bandierina a mettere a segno il gol del 2-2. Al 34’ altra segnatura di Pietro Iovino e sorrentini nuovamente in vantaggio. Ma non era finita qui. Prima di rientrare negli spogliatoi il Victoria Marra riusciva nuovamente a pareggiare con un calcio di rigore trasformato da Collaro. Al quinto della ripresa Michele Solimene superava nuovamente Battaglia insaccando la rete del definitivo 4-3 per i sorrentini. Pochi minuti dopo si infortunava e veniva sostituito da Mantice. Nel corso della ripresa i due allenatori operavano altre sostituzioni ma il risultato non mutava più fino al triplice fischio  del signor Teletta di Torre del Greco.

Share/Bookmark

Atletico Sorrento confermato il 3-0 a tavolino con l’AFFE Nocera 100. Trenta mesi di squalifica al portiere nocerino Alfonso De Prisco

giovedì 15 febbraio 2018 0 commenti


In merito ai fatti accaduti domenica scorsa al Campo Italia di Sorrento nel corso dell’incontro di Seconda Categoria Girone G tra Atletico Sorrento e AFFE Nocera 100 il Giudice Sportivo Territoriale Avv. Sergio Longhi ha assegnato la vittoria a tavolino con il punteggio di 3-0 all’Atletico Sorrento, ed ha comminato trenta mesi di squalifica ovvero fino al 14 agosto 2020 al portiere dell’AFFE Nocera 100, Alfonso De Prisco per aver colpito da tergo, il direttore di gara Mario Ciccarelli di Castellammare di Stabia, con un violento pugno all'altezza dell'orecchio sinistro dopo che questo lo aveva espulso.

Si riporta di seguito l’estratto del comunicato federale

DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
GARA DEL 10/ 2/2018 ATLETICO SORRENTO 2016 - A.F.F.E. NOCERA 100

Il Giudice Sportivo Territoriale letto il referto del direttore di gara e il supplemento di rapporto, rileva che al 35' del primo tempo, dopo la segnatura di una rete da parte della Società Atletico Sorrento, il portiere dell’A.F.F.E. Nocera 100, Sig. Alfonso De Prisco protestava platealmente nei confronti del direttore di gara definendolo "mongoloide" manifestando, quindi, con tale comportamento mancanza di sensibilità e rispetto nei confronti dei soggetti colpiti tale disabilità; in esito a ciò il direttore di gara espelleva il De Prisco che, in un primo momento, si avviava verso gli spogliatoi, salvo poi ritornare sui suoi passi e mentre il direttore di gara era intento ad annotare sul taccuino l'espulsione, con un'azione repentina, colpiva il direttore di gara, da tergo, con un violento pugno all'altezza dell'orecchio sinistro, ed in esito a ciò il direttore di gara cadeva a terra accusando forte dolore e stordimento che durava per diverso tempo; in conseguenza di tale stordimento e dei capogiri sofferti il direttore di gara, non essendo più in grado di continuare la direzione della gara, decideva di sospendere definitivamente la gara al 35' del primo tempo. L'intervento dei calciatori di entrambe le squadre che provvedevano a bloccare il De Prisco, evitava conseguenze più gravi per il direttore di gara che veniva prontamente assistito, anche negli spogliatoi, dai dirigenti di entrambe le società; il direttore di gara, continuando ad avere momenti di capogiro, si vedeva costretto a recarsi presso la struttura sanitaria più vicina, dove veniva refertato come da documento allegato al referto arbitrale. P.Q.M. il Giudice Sportivo Territoriale commina al calciatore Alfonso De Prisco la squalifica fino al 14.08.2020 (sanzione che rientra tra i casi previsti dal C.U. n. 104 del 14.12.2014 FIGC, in merito agli episodi di violenza a carico dei direttori di gara); commina a carico della società A.F.F.E. Nocera 100 la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0/3; per gli altri provvedimenti rimanda alla camicia di gara.

Share/Bookmark

Atletico Sorrento-AFFE Nocera 100 il comunicato della società nocerina

Riceviamo e pubblichiamo Il comunicato inviatoci dalla società nocerina A.F.F.E. Nocera 100 relativo ai fatti avvenuti allo Stadio Italia di Sorrento in data 11 febbraio 2018 in occasione della partita di calcio tra Atletico Sorrento ed A.F.F.E. Nocera 100

L’ASD A.F.F.E. Nocera 100 con la pubblicazione di codesto comunicato ufficiale intende esporre la propria versione dei fatti sugli avvenimenti verificatisi in data 11.02.2018 in occasione della gara di calcio giocata al “Campo Italia di Sorrento” tra l’Atletico Sorrento e l’A.F.F.E. Nocera 100. “Al minuto 26’ del 1° tempo regolamentare sul risultato di 1 a 0 per i padroni di casa, l’attaccante dell’Atletico Sorrento (Sig. Russo), si rendeva autore di una carica al portiere dell’A.F.F.E. Nocera 100 (Sig. De Prisco) che respingeva il pallone a circa 10 metri dall’aria di rigore. A seguito di tale violento scontro di gioco entrambi i calciatori restavano a terra doloranti e di conseguenza impossibilitati a proseguire l’azione. L’arbitro incaricato di dirigere la partita (Sig. Ciccarelli della sezione di Castellammare di Stabia), ritenendo presumibilmente che non ci fossero le condizioni per interrompere il gioco, lasciava proseguire l’azione al termine della quale il calciatore dell’Atletico Sorrento (Sig. Solimene) siglava il raddoppio a porta inevitabilmente sguarnita”. Va opportunamente precisato che tra lo scontro di gioco avvenuto tra i calciatori De Prisco (A.F.F.E. Nocera 100) e Russo (Atletico Sorrento) e la rete che veniva successivamente siglata dall’attaccante Solimene (Atletico Sorrento) intercorrevano almeno 10 secondi di tempo durante i quali l’arbitro avrebbe dovuto interrompere l’azione cosi come espressamente previsto dal Regolamento Aia del giuoco del calcio qui di seguito riportato:“ 15. Se a seguito di un violento tiro o di uno scontro fortuito, il portiere subisce una menomazione tale da rimanere impossibilitato a tentare di evitare la segnatura di una rete. Come dovrà regolarsi l’arbitro? Se il pallone, immediatamente dopo l’infortunio del portiere, supera la linea di porta, convalida la rete. Diversamente, interromperà il gioco e lo riprenderà con una propria rimessa nel punto in cui si trovava il pallone quando il gioco è stato interrotto, dopo aver fatto soccorrere il portiere. Tralasciando nel caso di specie il comportamento antisportivo dell’autore della rete Sig. Solimene (Atletico Sorrento), l’arbitro Sig. Ciccarelli si rendeva responsabile di aver deciso in modo completamente scostante rispetto a quanto precisamente previsto dal Regolamento Aia.Va ulteriormente precisato ad onor del vero che prima della rete siglata dal sig. Solimene, il capitano dell’A.F.F.E. Nocera 100 Sig. Attanasio richiamava l’attenzione dell’arbitro per la presenza a terra dei due calciatori (Russo e De Prisco). Successivamente all’ingiusta convalida del goal lo stesso capitano richiedeva all’arbitro delucidazioni inerenti al motivo della mancata interruzione dell’azione al fine di prestare il dovuto soccorso ai due calciatori.  L’arbitro rispondeva al Sig. Attanasio con testuali parole: “ Non è fallo, il portiere ha sbagliato l’uscita e sta fingendo ” mostrandogli per di più il cartellino giallo per aver chiesto in modo veemente spiegazioni sull’episodio.Il portiere De Prisco una volta rialzatosi dal suolo contestava con foga la mancata interruzione dell’azione. Ancora una volta l’arbitro del match, con considerazioni che chiaramente non gli competono, zittiva il sig. De Prisco accusandolo di aver sbagliato l’uscita e di aver simulato l’infortunio. Il Sig. De Prisco, che d’altro canto riportava un ben visibile livido sulla gamba a seguito dello scontro, stizzito sia dall’ingiusta decisione quanto dall’irrispettoso comportamento dell’arbitro rivolgeva allo stesso parole inadeguate vedendosi cosi sventolare nei suoi confronti il cartellino rosso.  Appresa la decisione il Sig. De Prisco reagiva erroneamente di istinto colpendo l’arbitro. Pronto è stato l’intervento della squadra e della dirigenza dell’A.F.F.E. Nocera 100 teso ad allontanare il proprio tesserato dal campo di calcio e ad accertarsi delle condizioni fisiche dell’arbitro che GIUSTAMENTE sospendeva la gara e mandava negli spogliatoi entrambe le squadre.”Alla luce di quanto appena esposto, la società ASD A.F.F.E. Nocera 100 condanna e non giustifica assolutamente il gesto antisportivo del proprio tesserato sig. De Prisco, ma al contempo pretende che le versioni dei fatti vengano esposte in maniera coerente e veritiera. Apprendiamo infatti, con molto rammarico, che diversi siti e testate giornalistiche abbiano distorto i fatti sopra descritti e offeso in modo evidente ed ingiustificato tesserati e dirigenti della scrivente società sportiva. Di conseguenza la scrivente società procederà per le adeguate vie legali contro qualsiasi altro articolo che riporterà notizie che distorcono la realtà dei fatti avvenuti allo Stadio Italia di Sorrento in data 11.02.2018 in occasione della partita di calcio tra Atletico Sorrento ed A.F.F.E. Nocera 100. Ci teniamo infine a sottolineare che lo stesso arbitro e commissario di campo, nonché la società dell’Atletico Sorrento rappresentata dal presidente Sig. Schisano, si congratulavano con l’INTERA squadra e dirigenza dell’AFFE Nocera 100 per il comportamento corretto e solidale tenuto subito dopo i fatti sopra descritti. Cogliamo inoltre l’occasione per scusarci UFFICIALMENTE con il direttore di gara Sig. Ciccarelli con la speranza che possa continuare ad arbitrare per molto tempo ancora utilizzando però maggiore buon senso nella gestione delle gare e nell’approccio comportamentale con i calciatori.

Share/Bookmark

Atletico Sorrento-AFFE 100 Nocera 2-0 Arbitro aggredito, partita sospesa

domenica 11 febbraio 2018 0 commenti

Al Campo Italia di Sorrento la partita del campionato di Seconda Categoria Girone G, tra Atletico Sorrento e AFFE 100 Nocera dura appena 26 minuti. Con l’Atletico Sorrento già in vantaggio per 1-0 in seguito alla rete messa a segno da Gian Maria Russo a conclusione di un irresistibile slalom. Il centrale difensivo Francesco Veropalumbo che anche oggi portava al braccio la fascia di capitano per l’assenza del portiere Eduardo Miccio si impossessa del pallone al limite della propria area, ed effettua un lancio di oltre sessanta metri all’indirizzo di Gian Maria Russo mettendolo in condizione di filare indisturbato verso la porta avversaria. Il portiere ospite De Prisco nel tentativo di evitare la seconda segnatura si allontana dalla porta ed effettua una intervento kamikaze travolgendo Gian Maria Russo nel momento in cui questo sta per effettuare il tiro in porta. Portiere e attaccante restano entrambi a terra mentre il pallone finisce tra i piedi di Michele Solimene che lo indirizza nella porta sguarnita segnando la rete del 2-0 per l’Atletico Sorrento. 
L’arbitro Mario Ciccarelli, un ragazzino di appena 18 di Castellammare di Stabia con la passione per il canottaggio convalida da rete tralasciando di prendere alcun provvedimento disciplinare contro il portiere autore di un intervento irresponsabile e brutale, vietato dal regolamento, che avrebbe potuto causare seri danni sia a lui che all’attaccante sorrentino. Un intervento da punire con l’espulsione diretta del portiere.  La decisione dell’arbitro è fin troppo benevole nei confronti del Nocera, ma incredibilmente sono proprio loro a protestare rincorrendo l’arbitro e accerchiandolo. Il più esagitato è proprio il portiere De Prisco che insulta pesantemente l’arbitro ad alta voce tanto da essere udito anche dagli spettatori in tribuna. A questo punto finalmente l’arbitro si decide ad estrarre il cartellino rosso e lo mostra al De Prisco che invece di abbandonare il campo si avvicina ulteriormente all’arbitro e lo colpisce con un pungo al volto prima di essere fermato dagli altri giocatori. Subito dopo l’arbitro decreta il termine dell’incontro e manda tutti negli spogliatoi. Una scena incresciosa che non dovrebbe mai vedersi sui campi di calcio e che auspichiamo venga sanzionata molto severamente dagli organi competenti. 

Queste le formazioni con le quali le squadre erano scese in campo:

Atletico Sorrento: Armano; Schiazzano, Veropalumbo, Arcucci; Palomba, Ferrara, Satariano, Russo, Iovino; Prestigiovanni, Solimene. A disposizione: Iaccarino, Bisogno, Mantice, Ruocco, Longobardi, Siniscalchi, Fiorentino (manca il secondo portiere). Allenatore: Ferrara.
AFFE 100 Nocera: De Prisco; Bruno, Pinto, Attanasio, Boffardi; De Gregorio, Grimaldi, Granato; Giacumbi, Borriello, Federico. A disposizione: Iannone, Minichini, Vicidomini, Di Genova. Allenatore: Dell’Aglio.
Arbitro:  Mario Ciccarellidi Castellammare di Stabia.

Share/Bookmark

Sant'Agnello, contro il Faiano partita da ultima spiaggia

sabato 10 febbraio 2018 0 commenti

Alla vigilia del ventunesimo turno del Campionato Regionale di Eccellenza che vedrà il Sant’Agnello ospitare il Faiano sabato pomeriggio alle 15:00, queste le parole del mister Francesco Nardo in conferenza stampa pre-partita.
CONTRO IL FAIANO NESSUNA ALTERNATIVA ALLA VITTORIA.“Contro il Faiano è partita da ultima spiaggia per riprendere il treno verso i play-out. Dobbiamo vincere per premiare l’intenso lavoro svolto in settimana, ma soprattutto dimostrare a noi stessi che siamo vivi e con tantissima voglia di non mollare nulla fino all’ultimo secondo. In settimana ho parlato tanto con i miei ragazzi: sono carichi e consapevoli dell’importanza della posta in palio. Sabato va in scena uno scontro diretto di importanza capitale e non abbiamo altra alternativa alla vittoria”.
UNICO OBIETTIVO 3 PUNTI.“L’unico obiettivo è quello di portare a casa i 3 punti. Il Sant’Agnello, così come il Faiano, si presentava ai nastri di partenza con ambizioni ben diverse. I biancoverdi erano reduci dai play-off disputati nella scorsa stagione e si aspettavano un campionato più tranquillo. Nel nostro caso la società aveva allestito un organico sulla carta superiore rispetto a quello che aveva centrato la salvezza in gara secca di play-out, ed il rendimento complessivo è stato al di sotto delle aspettative. Purtroppo stare in fondo alla classifica comporta grosse difficoltà dalle quali i ragazzi stanno faticando moltissimo a venir fuori”.
GRUPPO BEN CONCENTRATO SULLA GARA.“Al di là della brutta parentesi di Serino, continuo a vedere i ragazzi ben concentrati sull’impegno da sostenere. Sia io che la società li abbiamo messi con le spalle al muro e sanno perfettamente che non possono assolutamente fallire sul piano della prestazione. Spero che tutti abbiano capito la lezione e sono fiducioso in vista della gara di sabato pomeriggio nel nostro impianto”.
PROBLEMA MENTALE DA RISOLVERE.“I numeri dicono che il Faiano ha fatto finora malissimo lontano dal proprio pubblico raccogliendo soltanto 2 punti in 10 uscite. Ritengo che il problema sia principalmente mentale, perché è evidente che scorrendo la rosa Sant’Agnello e Faiano non meritano di occupare le ultime due posizioni in graduatoria. La classifica però non mente. Ciò vuol dire che finora abbiamo seminato male: ne abbiamo pagato le conseguenze e speriamo di cambiare marcia a partire da sabato. Dal primo all’ultimo secondo attaccheremo i nostri avversari cercando di metterli in difficoltà con tutte le nostre forze. Credo che abbiamo tutte le potenzialità per riuscirci, ma sarà poi il campo ad emettere l’inappellabile verdetto”
Di seguito la lista dei convocati per l’incontro con il Faiano

ELENCO CONVOCATI
PORTIERI:  Stinga, Zurino (99).
DIFENSORI: Buonomo, De Stefano, Ferro (99), Palladino, Panariello, Perna (99).
CENTROCAMPISTI: Cappiello, D’Esposito (2000), Ferrara (2000), Gargiulo, Nocerino (98), Serrapica, Vanacore.
ATTACCANTI: Marino (98), Santoro (98), Vacca (98), Veniero, Zarrella (99).

Share/Bookmark

Atletico Sorrento in cerca di riscatto con l’AFFE 100 Nocera

venerdì 9 febbraio 2018 0 commenti

Domenica pomeriggio alle ore 15.00 al Campo Italia di Sorrento si disputerà l’incontro della seconda giornata di ritorno del Campionato regionale campano di Seconda Categoria girone G tra l’Atletico Sorrento e l’AFFE 100 Nocera.
I sorrentini non vedono l’ora di scendere in campo per riscattarsi della sconfitta per 1-0 subita domenica scorsa sul campo del Santa Maria Assunta Pompei. Una sconfitta, che al tirar delle somme, considerato il mezzo passo falso dell’Olimpia Capri sul campo dell’AFFE 100 Nocera, non ha pesato eccessivamente sulla classifica permettendo all’Atletico Sorrento di conservare il comando solitario della graduatoria, anche se il vantaggio si è ridotto ad un punto soltanto. Una sconfitta che potrebbe rivelarsi addirittura salutare perché è servita a compattare ulteriormente il gruppo, facendo capire a tutti che per essere sicuri di poter conseguire i risultati attesi c’è bisogno di un ulteriore incremento del proprio impegno, sia in campo che fuori. I primi segnali favorevoli si sono già intravisti in settimana durante gli allenamenti. Domenica pomeriggio si tireranno le somme.
La direzione dell’incontro è stata affidata all’arbitro Mario Ciccarelli della sezione AIA di Castellamare di Stabia un fischietto già visto all’opera in due precedenti occasioni, con il Victoria Marra e con l’F3 Nocera durante le quali si è reso protagonista di colossali errori di valutazione, il più clamoroso dei quali un evidentissimo fallo di mano non rilevato da parte dell’autore del gol concesso all’F3 Nocera. Facilmente condizionabile. Speriamo che nel frattempo sia migliorato.

Share/Bookmark

L’Atletico Sorrento inciampa a Pompei

lunedì 5 febbraio 2018 0 commenti


Santa Maria Assunta Pompei-Atletico Sorrento 1-0

Santa Maria Assunta Pompei: Sorrentino, Altieri, Malafronte, Porzio, Immobile, Sorrentino V., De Simone, Sorrentino, Matrone (85’ Damascato), Alfano, Costantino. A disposizione: Viscardi, Schettino, Falcone, Coppola, Maresca. Allenatore: Milito.
Atletico Sorrento: Galano; Di Leva (70’ Bisogno), Veropalumbo, Arcucci, Rega; Palomba, Verde, Satariano, Russo; Mantice (60’ Iovino), Solimene. A disposizione: Armano, Iaccarino, Cuomo, Fiorentino, Siniscalchi. Allenatore: Ferrara.
Arbitro: Muri di Napoli.
Rete: 62’ Matrone (P) rigore.
Ammoniti: Malafronte, Porzio, Costantino (P); Arcucci, Solimene (S). Espulsi al 42’ dalla panchina Milito (allenatore) e Schettino del Pompei.

Si interrompe dopo dieci partite la serie di vittorie consecutive dell’Atletico Sorrento. Pietra di inciampo il Santa Maria Assunta Pompei che al quarto tentativo è riuscita a prendersi una parziale rivincita sui sorrentini mai battuti prima. 
L’Atletico Sorrento nonostante sia ancora menomato da diverse assenze importanti ha comandato il gioco per tutto l’arco dei novanta ma deve fare i conti oltre che con gli avversari anche con un arbitro inadeguato che scontenta entrambe le squadre (due espulsi dalla panchina tra le fila dei pompeiani) e ad un certo punto, 17’ della ripresa, è l’unico a vedere un fallo inesistente di Veropalumbo e decide di assegnare un calcio di rigore al Pompei trasformato da Matrone. All'80’ l’Atletico ha avuto la possibilità di pareggiare su un calcio di rigore a proprio favore ma il portiere pompeiano che si chiama Sorrentino è riuscito a neutralizzare il tiro di Michele Solimene. 
Bisogna comunque dire che non tutte le colpe della sconfitta vanno addossate all’arbitro. Come ha ammesso lealmente il presidente Schisano: “la prestazione dei ragazzi è stata al di sotto della aspettative, forse è la stanchezza fisica e mentale che si inizia a far sentire”.
Nonostante tutto ciò l’Atletico Sorrento è ancora capolista solitaria grazie anche al pareggio dell’Olimpia Capri con l’Affe 100 Nocera (1-1). Il girone di ritorno è appena iniziato e dopo 10 vittorie consecutive si può anche inciampare. Si soffre l'assenza di molti infortunati. Ma siamo sempre lì davanti.

Share/Bookmark

Cinque rinforzi per l’Atletico Sorrento

giovedì 1 febbraio 2018 0 commenti

Nonostante la squadra occupi il primo posto in classifica nel proprio raggruppamento e abbia fin qui inanellato una striscia di ben dieci successi consecutivi con 30 reti segnate ed una sola subita - per giunta pure irregolare in quanto l’arbitro non vide un colossale fallo di mano dell’autore del gol – il presidente dell’Atletico Sorrento, Antonino Schisano, ha deciso di rafforzare ulteriormente l’organico a disposizione del tecnico Marcello Ferrara, ingaggiando altri cinque giocatori, vale a dire, Antonio De Maria, Pietro Iovino e Salvatore Siniscalchi, Raffaele Fiorentino già integrato in rosa da alcune settimane è utilizzato in campo domenica scorsa nei minuti finali dell’incontro con il Bracigliano e Gabriele Iaccarino.
Antonio De Maria venticinquenne stabiese è un attaccante, cresciuto nel settore giovanile della Juve Stabia. Reduce dall’esperienza nella Segunda Division Catalana (Equivalente al campionato d'Eccellenza italiano) dove ha indossato la maglia del Club de Futbol Caldes de Montbui, prima di trasferirsi in Spagna aveva militato nel campionato di Promozione con il Santa Maria Cilento. 
Pietro Iovino, di anni ne ha 34 ed è anche lui un attaccante con una lunga carriera alle spalle nei campionati dilettantistici napoletani, che arriva da svincolato dopo aver giocato nell’ultima stagione all’Evergreen Sant’Agnello. 
Salvatore Siniscalchi, 23 anni, centrocampista, cresciuto nel settore giovanile del Sorrento, ultima stagione al Massa Lubrense.
Raffaele Fiorentino 20 anni,  centrocampista, ultima stagione al Massa Lubrense.
Gabriele Iaccarino 31 anni, difensore dal fisico imponente, al primo tesseramento ma con diversi anni di esperienza sui campetti amatoriali.
Cinque rinforzi di spessore che hanno deciso di vestire con grande entusiasmo la maglia rossonera e che già si stanno allenando agli ordini di mister Marcello Ferrara per essere pronti a scendere in campo dalla prossima di campionato per aiutare i compagni del gruppo.

In foto De Maria, Iovino e Siniscalchi in posa con la nuova maglia al fianco di Antonino Schisano presidente dell'Atletico Sorrento, 

Share/Bookmark

Atletico Sorrento Straripante, 6-0 al Bracigliano

domenica 28 gennaio 2018 0 commenti


Bracigliano-Atletico Sorrento 0-6

Bracigliano: Santaniello, Calabrese (57’ De Maio), Di Filippo, Albano, Liguori, D’Amato (48’ Carbone), Badjie (60’ Albano), Touray, Basile (83’ Kante), Giordano, Citro. A disposizione: Siniscalchi, Sarno, Ferrara. Allenatore: D’Amato.
Atletico Sorrento: Galano; Ruocco (82’ Arcucci), Veropalumbo, Schiazzano, Rega; Satariano (64’ Di Leva), Verde (82’ Fiorentino); Palomba (80’ Vanacore), Mantice, Solimene (71’ Bisogno), Russo. A disposizione: Armano. Allenatore: Ferrara.
Arbitro: De Martino Raffaele di Nocera Inferiore.
Reti: 16’ Palomba (S), 55’ Solimene (S), 60’ Palomba (S), 63’ Palomba (S), 70’ Solimene (S), 88’ Russo (S).
Ammoniti: Giordano (B), Ruocco (S).

Continua la marcia inarrestabile dell’Atletico Sorrento che battendo per 6 reti a 0 il Bracigliano ottiene la decima vittoria consecutiva, mantiene per la quinta volta consecutiva inviolata la propria porta e consolida il primato in vetta al girone G della Seconda Categoria Campana festeggiando il titolo platonico di campione di inverno con due punti di vantaggio sull’Olimpia Capri. 
Tutto questo nonostante diverse assenze importanti (Miccio, Esposito, D’Esposito, Di Gregorio, Prestigiovanni) e alcuni uomini in non perfetta condizione che hanno costretto mister Marcello Ferrara a rivoluzionare la formazione tornando alla difesa a quattro con Veropalumbo e Schiazzano centrali e Ruocco e Rega a spingere sulle fasce. 
Paradossalmente la soluzione d’emergenza ha dato maggior vigore alla squadra rossonera che a tratti sembrava avere un paio di uomini in più del pur coriaceo Bracigliano che ha dovuto alzare bandiera bianca dopo appena 16’ minuti infilzato da un Gianluca Palomba in grande giornata. 
Passati in vantaggio i rossoneri hanno attuato la stessa tattica già usata in altre partite badando principalmente a mantenere il possesso del pallone lasciando che gli avversari si sfiancassero inutilmente alla ricerca del pareggio per poi tornare a colpire a ripetizione nel corso della ripresa quando gli stessi avversari avevano esaurito la benzina e non erano più in grado di reagire. 
Terminato il primo tempo sull’1-0 l’Atletico cambiava marcia ad inizio ripresa ottenendo il gol del 2-0 al 55’ con Michele Solimene. Cinque minuti dopo Gianluca Palomba realizzava il 3-0, ripetendosi nuovamente al 63’, firmando così una strepitosa tripletta, cosa che in queste prime tredici partite di campionato non è riuscita a nessuno dei suoi colleghi. 
Al 70’ giungeva la quinta rete ad opera di Michele Solimene che subito dopo si guadagnava un meritato riposo e veniva sostituito da Nello Bisogno. Poco dopo c’era spazio anche per Di Leva, Vanacore, Arcucci e per il debuttante Raffaele Fiorentino che rilevavano rispettivamente Satariano, Palomba, Ruocco e Verde. A due minuti dallo scadere andava a segno pure Gian Maria Russo firmando il gol del 6-0.

Share/Bookmark

Il Sant’Agnello ferma la capolista Agropoli

sabato 27 gennaio 2018 0 commenti

SANT’AGNELLO – AGROPOLI 1-1

SANT’AGNELLO (3-5-2) Stinga; De Stefano, Cappiello (44’ st Perna), Palladino; Ferro (32’ st Zarrella), Nocerino (35’ st Vacca), Serrapica, Veniero, Panariello; Marino (28’ st Vanacore), Lauro (32’ st Di Giulio Cesare). A disp: Zurino, Ferrara. All: Nardo.
AGROPOLI (4-3-3) Spicuzza; De Foglio (43’ st Gullo), Hutsol, Landolfi, Iommazzo; Guadagno, Lopetrone (41’ st Santonicola), Natiello; Capozzoli, Bozzi (1’ st Maione V.), Apicella. A disp: Gesualdi, Giura, D’Attilio, Russo. All: De Cesare.
Arbitro: Sig. Matteo Campagni della Sezione AIA di Firenze (Pelosi/Marletta)
Reti: 35’ pt Veniero (S), 23’ st Natiello (A)
Note: Ammoniti: Bozzi (A), Apicella (A), Palladino (S), Landolfi (A), Panariello (S), Vacca (S). Corner: 1-8. Recupero: 1’ pt, 5’ st.

Punto d’oro del Sant’Agnello che mette finalmente fine a una striscia di 4 sconfitte consecutive, costringendo al pari la capolista Agropoli. Un punto meritato, ma con un pizzico di rammarico perché la squadra guidata da Francesco Nardo ha rischiato seriamente di strappare l’intera posta in palio attraverso una gara perfetta dal punto di vista tattico finchè i ragazzi hanno avuto energia per pressare a tutto campo chiudendo ogni spazio tra le linee. 60 minuti perfetti, con i costieri al riposo avanti di una rete grazie al perfetto inserimento di Veniero sugli sviluppi di un calcio piazzato: sassata terrificante che sradica la traversa con il baricentro che si alza in maniera direttamente proporzionale alla fiducia acquisita dopo il vantaggio. La ripresa, complice un fisiologico calo fisico, potrebbe chiudersi quando lo scavetto di Lauro viene allontano da un difensore nei pressi della linea di porta. Stinga attiva nuovamente la modalità fenomeno parando il 3° rigore in stagione dopo quelli a Vitale e Romano U. contro Valdiano e Castel San Giorgio. Neanche il tempo di metabolizzare lo scampato pericolo che da una palla persa sulla trequarti giunge il cross sul quale Natiello incorna indisturbato alle spalle dell’estremo difensore costiero. Recriminano entrambe le compagini per contatti in area su Lauro e Natiello, ma ancora più netto è il tocco di mano con il quale Hutsol accompagna in corner la sfera dopo aver perso l’uno contro uno con Lauro. Soprattutto in virtù di un metro di giudizio che ha visto concedere la massima punizione ai cilentani per il tocco istintivo di Panariello sullo stesso difensore agropolese in proiezione offensiva sugli sviluppi di un corner.
Dopo 7 minuti Stinga è attento su una conclusione a giro di Capozzoli, poi De Stefano fa partire un lunghissimo lancio che pesca Veniero alle spalle della statica difesa ospite: controllo e destro a incrociare sul quale Spicuzza fa buona guardia. Poco dopo Ferro chiude una perfetta diagonale su Natiello, quindi Guadagno si incunea tra le maglie della difesa costiera e gira di testa un cross di Apicella con la sfera che termina larga. Al 15’ Marino viene murato da posizione favorevole, Panariello si avventa come un falco sulla seconda palla ma non inquadra la porta. Poco dopo Stinga salva il risultato chiudendo l’angolo a Bozzi, quindi sul traversone di Marino che attraversa tutta l’area piccola non c’è nessuno per la zampata vincente. Al 35’ il Sant’Agnello passa in vantaggio: lo specialista Palladino si incarica della battuta di una punizione all’altezza del vertice destro dell’area di rigore, la difesa cilentana allontana come può, sfera nei radar di Veniero sul palo lungo che realizza il 3° centro stagionale con una staffilata potentissima che si insacca sotto la traversa. Spicuzza deve superarsi per togliere dall’incrocio un arcobaleno perfetto griffato Palladino, poi Lapetrone con un mancino dalla distanza non impensierisce Stinga.
All’uscita dagli spogliatoi De Stefano mette il turbo, ruba tempo e spazio ad Apicella e salva tutto in scivolata. Al 50’ Lauro, sbilanciato da un difensore, non riesce a girare il perfetto suggerimento di Panariello mentre il salvataggio sulla linea di Cappiello mantiene i costieri avanti nel punteggio. Al 57’ il direttore di gara vede la simulazione di Apicella che si tuffa in assenza di contatto con De Stefano: l’arbitro è attento ed estrae il cartellino giallo. 3 giri di lancette più tardi ghiotta chance per il raddoppio biancazzurro: Nocerino dialoga nello stretto con Ferro, imbucata in verticale per l’inserimento di Lauro e scavetto delizioso sul portiere in uscita ma il salvataggio sulla linea è provvidenziale e l’azione sfuma. Poco dopo Veniero inventa per il movimento di Lauro sulla sinistra tra difensore e terzino: l’attaccante costiero classe 2000 vince il duello con Hutsol, che con il braccio schiaccia la sfera oltre la linea di fondo. In questo caso la giacchetta nera lascia correre facendo riprendere il gioco con un tiro dalla bandierina. Diverso il metro di giudizio pochi minuti più tardi. Calcio d’angolo dalla destra, spizzata e sfera per Hutsol che calcia trovando il braccio largo di Panariello che si protegge istintivamente il volto. In questo caso l’arbitro ritiene ci siano i presupposti per la massima punizione: dal dischetto si presenta Capozzoli, ma Stinga si distende alla propria sinistra confermandosi straordinario para-rigori. Neanche il tempo di esultare, e da una palla persa sulla trequarti fulminea ripartenza ospite che trova la retroguardia costiera non piazzata con le distanze giuste: Natiello inzucca tutto solo e piazza la sfera dove Stinga non può arrivare. Spicuzza dice di no a Marino, poi Guadagno spreca di testa da distanza ravvicinatissima mentre allo scadere il pressing alto di Vacca paga: sfera per Zarrella e conclusione murata dalla retroguardia cilentana che porta a casa il 4° pareggio consecutivo.       

Giovanni Minieri Area Comunicazione FC Sant'Agnello

Share/Bookmark

Atletico Sorrento a Bracigliano per blindare il primato

Ultima giornata del girone di andata in Seconda Categoria. L’Atletico Sorrento che guida la graduatoria del girone G con 31 punti, due in più dell’Olimpia Capri, giocherà in trasferta domenica sera, con inizio alle ore 18.00, allo Stadio Superga di Mercato San Severino contro il Bracigliano che occupa l’ottava posizione in classifica con 15 punti.
Mister Marcello Ferrara ha ben chiara la formazione da mandare in campo ma la svelerà solo poco prima di scendere in campo. La settimana scorsa abbiamo azzardato una previsione sbagliando alcune pedine. Ritentiamo nella speranza di migliorare. In porta, con Eddy Miccio ancora ai box per infortunio, ballottaggio aperto tra Armano e Galano. In difesa si dovrebbe Ferrara dovrebbe riproporre nuovamente il modulo a tre. Sicuri Veropalumbo e Schiazzano, per la terza maglia con Arcucci ed Esposito non ancora pienamente recuperati appare favorito D’Esposito anche se non mancano le alternative. In mezzo al campo possibile riconferma per Satariano e Verde, con Palomba e Russo sugli esterni. Numerose le alternative anche in questo reparto con Rega, Ruocco e Di Leva che vedremo quasi sicuramente in campo nel corso del match. Nel reparto avanzato ballottaggio aperto tra Solimene, Di Gregorio, Prestigiovanni e Mantice. Molto probabile che li vedremo tutti e quattro all’opera nel corso dell’incontro. D’altra parte, le cinque sostituzioni permettono di operare un saggio e opportuno turnover.
In caso di vittoria l’Atletico Sorrento incrementerebbe ancora di una unità la propria striscia vincente portandola a dieci consecutive consolidando il primato domestico relativo alle formazioni sorrentine dal 1935 ad oggi. Da rilevare che senza il gol palesemente irregolare concesso dall’arbitro allo F3 Nocera staremmo parlando di una striscia di nove partite consecutive vinte senza mai subire gol.
L'incontro sarà diretto dal signor Raffaele De Martino della sezione AIA di Nocera Inferiore. Un nome che ai tifosi più anziani farà sicuramente venire in mente uno degli attaccanti rossoneri più amati di tutti i tempi il famosissimo Munifà trascinatore del Flos Carmeli e in seguito della Fiamma Sorrento tra il 1950 e il 1961.

Share/Bookmark

Sant’Agnello, Negri infuriato con la stampa locale

mercoledì 24 gennaio 2018 0 commenti

Il derby di domenica scorsa tra Sorrento e Sant’Agnello ha lasciato scorie dialettiche che nulla hanno a che fare con le basilari regole non scritte di sportività e fair-play. Alcune notizie non veritiere apparse sugli organi di stampa hanno lasciato basito il presidente Alberto Negri, che ha deciso di replicare con toni duri arrivando senza mezzi termini al punto della situazione.
“Il pezzo pubblicato sulla testata “Positanonews” il giorno 22 gennaio, dimostra ancora una volta che i redattori chiamati a scrivere di calcio dilettantistico regionale pubblicano articoli senza documentarsi, incorrendo così in errori grossolani. Fermo restando che eventuali richieste di ripescaggio vengono accolte per meriti sportivi acquisiti sul campo di cui la società è orgogliosa di potersi vantare, vogliamo ricordare alla testata rappresentata dal direttore responsabile Michele Cinque, che il Sant’Agnello nella scorsa stagione si è guadagnato la salvezza sul campo espugnando in trasferta il campo del San Tommaso in gara secca di play-out. Mancando inoltre ben 12 turni al termine del campionato con il penultimo posto distante appena 4 punti, sarei lieto di conoscere il motivo per il quale “positanonews” ritenga il Sant’Agnello già retrocesso e soprattutto perché dovrebbe sperare “anche quest’anno” nel ripescaggio”.
Non poteva mancare neanche una piccata risposta al comunicato redatto nel post-gara dall’ufficio stampa del Sorrento, che con malcelata arroganza definiva il FC Sant’Agnello come uno sparring partner da amichevoli infrasettimanali.
“È fin troppo evidente che colui il quale si nasconde dietro la firma Area Comunicazione abbia scritto quel comunicato troppo frettolosamente, senza neanche consultarsi con una proprietà che non ne avrebbe mai autorizzato la pubblicazione dall’alto della propria onestà intellettuale. Quella squadra che nasce nel 1945 ripartì, dopo molti più commissari che presidenti, grazie al titolo sportivo del Sant’Agnello già nel lontano 1950/51. Da lì un susseguirsi di titoli tra Flos Carmeli e San Giorgio, con quest’ultimo sodalizio unico a distinguersi per un florido settore giovanile ottenendo risultati importanti grazie alla competenza di Carlo Cuomo e Antonino Castellano prima, e Franco Giglio poi. Tanto da riuscire a far dimenticare che tanti anni di soddisfazioni stavano giungendo sotto il titolo sportivo di San Giorgio. Successivamente il titolo è poi passato in mani che hanno rovinato un passato rimarchevole fino a giungere alla mancata iscrizione al campionato di Promozione. Dopo un nuovo tentativo dell’imprenditore stabiese di coinvolgere il Sant’Agnello in un matrimonio nonostante un amore mai realmente sbocciato, la necessità di dover ricorrere al titolo del Sant’Antonio Abate per disputare il massimo campionato dilettantistico regionale. Voglio perciò ricordare a coloro i quali cambiano casacca in base al vento che tira, nascondendosi dietro la maschera di tifosi veri, ma remando nella direzione del primo finanziatore disponibile a investire risorse nel club, alcune cose fondamentali. In quest’ultimo lasso di tempo Sorrento e Sant’Agnello si sono incontrate in 6 occasioni, con 4 vittorie del nostro sodalizio, a fronte di 1 pari ed 1 sola sconfitta maturata domenica scorsa. A questo punto direi che le sgambature sono state nostre, rafforzate da numeri che non temono smentita. Inoltre se proprio vogliamo essere puristi e fedeli al nome della città di Sorrento, la realtà evidenzia come sia più consono riconoscere i dilettanti dell’Atletico Sorrento in Seconda Categoria come espressione di una prima squadra nella città del Tasso, così come l’Accademia Calcio Sorrento prospera realtà legata a scuola calcio e settore giovanile”.

Giovanni Minieri Area Comunicazione FC Sant'Agnello

Share/Bookmark

Atletico Sorrento a caccia di punti col Real Vesuvio

venerdì 19 gennaio 2018 0 commenti

Nel week end in corso si disputa la penultima giornata del girone di andata del campionato di Seconda Divisione Campana. La capolista del girone G, Atletico Sorrento, ospita il Real Vesuvio al Campo Italia in un incontro che verrà giocato in posticipo domenica sera alle ore 19.30 agli ordini del signor Nicola Serra della sezione AIA di Napoli.
Il tecnico rossonero Marcello Ferrara potrà attingere all’ampia rosa di cui dispone per scegliere gli undici da mandare in campo. Unica assenza di rilievo quella del portiere e capitano Eddy Miccio alla prese con un infortunio muscolare che potrebbe tenerlo lontano dal campo di gioco per altre due o tre settimane. La formazione iniziale, comunque, non dovrebbe discostarsi eccessivamente da quella scesa in campo domenica scorsa nel vittorioso derby con l’Evergreen Sant’Agnello. Armano tra i pali. Difesa a tre con Schiazzano, Veropalumbo ed Esposito. Verde e Satariano in mediana. Palomba e Russo sulle fasce. Di Gregorio trequartista. L’unica incertezza riguarda la coppia di attacco che dovrà uscire dal ballottaggio tra Prestigovanni, Solimene e Mantice tutti e tre in ottime condizioni.
Due le assenze di rilievo tra le file del Real Vesuvio, entrambe dovute a provvedimenti disciplinari del giudice sportivo che ha inflitto un turno di stop a Esposito Vittorio, ed una sospensione fino al 26 aprile 2018 al giocatore Sangiovanni Federico che al termine della partita di domenica scorsa con l’Olimpia Capri  ha tirato uno schiaffo ad un calciatore della squadra avversaria.
Il pronostico è abbondantemente favorevole all’Atletico Sorrento che scenderà in campo con il preciso obiettivo di cogliere la nona vittoria consecutiva e mantenere ancora una volta imbattuta la propria porta che finora è stata violata solo tre volte.
Tra le altre partite della giornata da segnalare il derby tra Piano Pizzeria Lucia ed Evergreen Sant'Agnello, mentre le più immediate inseguitrici dei rossoneri, Olimpia Capri e Victoria Marra giocano entrambe in casa ospitando rispettivamente il Bracigliano e l'Affe Nocera 100.

Questa sera intanto alle ore 20.30 al Campo Italia ci sarà un incontro amichevole tra l'Atletico Sorrento e il Sacred Heart Football Club (Squadra under 23 islandese) INGRESSO LIBERO.

Share/Bookmark

Atletico Sorrento sull’ottovolante

domenica 14 gennaio 2018 0 commenti

Evergreen Sant’Agnello-Atletico Sorrento 0-8

Evergreen Sant’Agnello (4-3-3): Acquavella; D’Esposito, Falcone, Mastellone, De Simone (68’ Marciano); Russo, Marrone (73’ Trapani), Iaccarino; Mandara (54’ Carrese), Brunetto (60’ Di Leva), Balzano (46’ Cuccaro). A disposizione: Palmentieri. Allenatore: Porzio.
Atletico Sorrento (3-4-1-2): Armano; Schiazzano, Veropalumbo, Esposito; Palomba (54’ Di Leva), Verde (68’ Rega), Satariano, Russo; Di Gregorio (58’ Vanacore); Solimene (64’ Bisogno), Prestigiovanni (46’ Mantice). A disposizione: Galano, Ruocco. Allenatore: Ferrara. 
Arbitro: Formicola di Ercolano.
Reti: 24’ Solimene (S), 34’ Prestigiovanni (S), 37’ Di Gregorio (S) rigore, 45’ Solimene (S), 47’ Mantice (S), 56’ Satariano (S) rigore, 63’ Mantice (S), 74’ Bisogno (S).
Ammoniti: nessuno. Espulso: 37’ Falcone (E) per fallo da rigore su Solimene. Evergreen Sant’Agnello senza il secondo portiere in panchina.
Agevole successo per la capolista Atletico Sorrento che mette a segno otto gol nel derby peninsulare contro l’Evergreen Sant’Agnello. I padroni di casa resistono fino al 24’ quando Acquavella dopo aver evitato diverse volte di capitolare viene battuto per la prima volta da Michele Solimene che deposita in rete il pallone respinto dalla traversa su colpo di testa di Prestigiovanni su cross dalla bandierina di Giuseppe Di Gregorio. Poco prima però l’arbitro aveva annullato un gol assolutamente regolare di Prestigiovanni ravvisando un fuorigioco inesistente. Al 34’ lo stesso Prestigiovanni si vendicava del torto subito realizzando il 2-0 superando Acquavella con un preciso diagonale su lancio in profondità di Satariano. 
Tre minuti dopo Falcone atterrava Solimene in area di rigore e veniva espulso dall’arbitro Formicola che assegnava anche il calcio di rigore ai rossoneri. Un provvedimento quello dell’espulsione totalmente errato secondo il regolamento attuale che ha penalizzato ulteriormente una squadra già in netta difficoltà. Una espulsione non richiesta ne tantomeno gradita nemmeno dai rossoneri che non avevano alcun bisogno di questo regalo arbitrale per conquistare i tre punti. Sul dischetto si presentava Di Gregorio che batteva per la terza volta Acquavella. Al 45’ i rossoneri realizzavano la quarta rete con Solimene che ricevuto il pallone da Di Gregorio su calcio di punizione dal limite se lo sistemava sul piede sinistro e quindi lo infilava all’incrocio dei pali.
Al 46’ con il risultato già ampiamente acquisito da parte dei rossoneri iniziava la girandola delle sostituzioni. Mantice appena entrato in sostituzione di Solimene portava a cinque le reti dei rossoneri su assist di Verde. Al 56’ fallo di mano in area santanellese. Questa volta per fortuna l’arbitro si limitava ad assegnare il calcio di rigore senza prendere alcun provvedimento disciplinare. Sul dischetto si presentava Satariano che batteva per la sesta volta Acquavella. Al 63’ Mantice realizzava la rete del 7-0 appoggiando in rete il pallone respinto dal portiere santanellese su tiro di Russo. Chiudeva le marcature Bisogno al 74’ che batteva Acquavella con un tiro diretto dalla lunetta del calcio d’angolo. Nulla da rimproverare al portiere santanellese che con le proprie parate ha evitato un numero di reti almeno pari a quelle subite. A parere unanime dei presenti senza l’inutile espulsione di Falcone avremmo assistito sicuramente ad uno spettacolo migliore ai numerosi tifosi presenti e gemellati. Evidentemente il direttore di gara ha voluto trovare il modo di farsi notare in un incontro  giocato con molta sportività e cavalleria da entrambe le squadre e in cui non si è registrato nessun ammonito.

Share/Bookmark

Domenica derby peninsulare tra Evergreen Sant’Agnello e Atletico Sorrento

sabato 13 gennaio 2018 0 commenti

Domenica 14 gennaio, al Campo Comunale di Viale dei Pini a Sant’Agnello, con inizio alle ore 10 si disputerà il derby peninsulare tra Evergreen Sant’Agnello e Atletico Sorrento valido per l’undicesima giornata del girone G della Seconda Categoria Campana.
L’Atletico Sorrento allenato da Marcello Ferrara che guida la classifica del girone con 25 punti vuole continuare a far punti per mantenere a distanze le inseguitrici, prima tra tutte l’Olimpia Capri impegnata in trasferta contro il Real Vesuvio.
L’Evergreen Sant’Agnello allenato da Marco Porzio che ha avuto un inizio di campionato a dir poco sfortunato incassando 10 sconfitte in altrettanti incontri scenderà in campo con il proposito di iniziare a raccogliere i primi punti del proprio torneo ma sarà molto difficile che ci riesca proprio contro la capolista che fin qui ha lasciato per strada solo 5 punti, è reduce da sette vittorie consecutive, e finora ha incassato solo tre reti (difesa meno battuta tra tutte le squadre dilettantistiche della Campania). 
Tra le file dei rossoneri è in forte dubbio la presenza del portiere e capitano Eddy Miccio. Al suo posto dovrebbe scendere in campo Giulio Armano uno dei tanti ex di questo incontro. Un incontro all’insegna dell’amicizia tra due squadre che fanno della sportività e della correttezza il loro segno distintivo e che merita entrambe di essere incitate ed applaudite dagli appassionati di calcio della penisola.
L’incontro sarà diretto dal signor Luigi Formicola della sezione AIA di Ercolano.

Share/Bookmark

Sant'Agnello-Palmese: I convocati di Francesco Nardo

venerdì 12 gennaio 2018 0 commenti

Al termine dell’allenamento di rifinitura tenutosi questo pomeriggio sul sintetico di Viale dei Pini, il mister biancazzurro Francesco Nardo ha diramato la lista dei convocati per la gara tra Sant’Agnello e Palmese. Il match,  valevole per la diciassettesima giornata del Campionato Regionale di Eccellenza – Girone B, è in programma sabato 13 gennaio alle ore 14:30 presso lo Stadio Comunale di Viale dei Pini.

ELENCO CONVOCATI:
PORTIERI:  Malafronte (2000), Stinga.
DIFENSORI: Aiello (99), Buonomo, De Stefano, Di Giulio Cesare (2000), Ferro (99), Palladino, Panariello.
CENTROCAMPISTI: D’Esposito (2000), Ferrara (2000), Gargiulo V., Nocerino (98), Serrapica, Vanacore.
ATTACCANTI: Lauro (2000), Marino (98), Vacca (98), Veniero, Zarrella (99).

Alla vigilia dell’importante match di sabato pomeriggio contro la Palmese, queste le dichiarazioni del mister Francesco Nardo in conferenza stampa pre-partita. 

Contro la Palmese per la prima di 14 finali per centrare l’obiettivo salvezza. Quali corde hai toccato in settimana per tirar fuori rabbia da una squadra che deve ritrovare fiducia ed autostima?

“Il Sant’Agnello è una squadra con un’età media molto bassa, per cui ho cercato di far capire ai senatori che devono essere da traino dal punto di vista emozionale per i ragazzi più giovani. Essere ultimi è un fardello che ci si trascina inconsciamente in mezzo al campo. Si è visto in maniera netta sabato scorso a Solofra, quando la squadra non riusciva a giocare a causa della mancanza di abitudine alle difficoltà che impone la lotta per conservare la categoria. Dobbiamo scrollarci di dosso paure ed insicurezze per poter essere mentalmente liberi ed invertire questo trend negativo”. 

Partendo un attimo da Solofra, la squadra ha cercato in tutti i modi di complicarsi la vita riuscendoci dopo mezz’ora. Quanto pesa la classifica e quanto è difficile lavorare su una squadra apparsa troppo spenta?

“Pesa tantissimo. In allenamento le cose riescono benissimo, ma poi riscontriamo difficoltà nel mettere in pratica ciò che proviamo con insistenza durante la settimana. In questi giorni ho dovuto lavorare molto soprattutto sulla testa dei ragazzi per fargli superare questo blocco mentale, e sono fiducioso in vista del match di sabato”.

Si affronta una Palmese relativamente tranquilla, che in trasferta ha avuto finora un pessimo rendimento con 4 punti totali in 7 uscite 

 “La Palmese è una squadra molto esperta, che annovera calciatori di sicuro affidamento come Salvati ed elementi fuori categoria come Fragiello e Sasà Sibilli. Questi nomi importanti saranno uno stimolo in più per i nostri ragazzi, perché sanno che per contrastare tanta qualità c’è bisogno di agonismo, determinazione e tanta corsa su ogni pallone”.  

Una partita che può avere valore importante anche in chiave psicologica. Tanti i gol subiti dalla Palmese negli ultimi minuti così come tantissimi sono i punti buttati via da posizione di vantaggio. Un aspetto sul quale poter insistere per far ricomparire vecchi fantasmi.

“In settimana abbiamo insistito su diversi moduli, ma al di là dell’aspetto prettamente tattico voglio vedere una squadra garibaldina, che con grande aggressività non dovrà lasciare neanche un centimetro di campo ai fuoriclasse di cui dispone la compagine vesuviana”. 

5 gare di fila senza far gol ed 1 sola rete realizzata nelle ultime 8. Un’astinenza che inizia a preoccupare. 

“Il lungo periodo di astinenza in zona gol sta diventando un problema, ma è chiaro che la colpa non può ricadere soltanto sugli attaccanti, ma va anche condivisa con una retroguardia che resta troppo bassa. Alzeremo perciò la linea difensiva giocando con un baricentro più alto, cercando di servire gli attaccanti più vicino alla porta mettendoli nelle migliori condizioni per poter andare a segno. Abbiamo lavorato anche su diverse soluzioni offensive, e ci auguriamo possano essere quelle che decideranno la gara contro la Palmese”.

Per quanto riguarda il mercato, ti aspetti qualche nuovo innesto dalla lista degli svincolati?

“In accordo con la società abbiamo deciso di chiudere definitivamente il mercato in entrata. Dopo aver fatto le opportune verifiche, abbiamo ritenuto che in giro non ci sono profili in grado di farci compiere un salto di qualità. Siamo convinti che l’organico attuale possa raggiungere la salvezza e lavoreremo con questi ragazzi per centrare l’obiettivo che si siamo prefissi”.

Giovanni Minieri (Area Comunicazione FC Sant'Agnello)

Share/Bookmark

Atletico Sorrento, col Levorate decide Russo

domenica 7 gennaio 2018 0 commenti

Atletico Sorrento -Levorate 1-0 

Atletico Sorrento: Miccio; Veropalumbo, Schiazzano, Esposito; Palomba (57’ Ruocco), Satariano, Rega, Russo; Mantice (46’ Solimene), Di Gregorio (84’ Bisogno), Prestigiovanni. A disposizione: Armano, Di Leva, De Simone, Vanacore. Allenatore: Ferrara
Levorate: Adiletta, De Filippo, Squillante (70’ Guastafierro), Savino, De Biase (73’ Rainone), Squitieri, Piscoquito, Autiero, Sabatino, Gigi, Liguori. A disposizione: De Biase. Allenatore: Manna. 
Arbitro: Bernardo di Salerno.
Rete: 89’ Russo (S)
Ammoniti: Veropalumbo, Palomba e Rega (S); Sabatino, Liguori (L). 

Un gol di Gianmaria Russo su lancio filtrante di Satariano a pochi secondi dallo scadere del novantesimo minuto decide il big match tra Atletico Sorrento e Levorate. Una rete molto contestata dagli ospiti che hanno reclamato energicamente nei confronti del direttore di gara per una posizione di fuorigioco dell’autore del gol. Mentre tutti i rossoneri panchina compresa si gettavano addosso a Russo per festeggiarlo, la stessa cosa accadeva poco distante con l’arbitro che veniva accerchiato e sommerso da tutti i giocatori e accompagnatori del Levorate uscendone apparentemente illeso.
In precedenza l’Atletico era andato più volte vicino al gol colpendo per tre volte i legni della porta difesa da Adiletta. Una prima volta al 39’ con Palomba che scheggiava la traversa dopo che lo stesso Adiletta aveva respinto d’istinto un colpo di testa a botta sicura di Di Gregorio. Una seconda al 76’ con un tiro di Solimene da posizione impossibile che batteva sulla faccia interna del palo e poi veniva ricacciato fuori da Adiletta quando forse aveva già superato interamente la linea bianca del gol. Una terza volta pochi minuti dopo con lo stesso Solimene che colpiva in pieno il palo alla destra di Adiletta con un tiro dal limite. Da annotare anche due salvataggi di piede stile Garella da parte di Adiletta su tiri dal limite di Russo. A queste andrebbero poi aggiunte diverse altre occasioni in cui gli attaccanti rossoneri non sono stati abbastanza lucidi e precisi mancando conclusioni più o meno facili. Un vero e proprio bombardamento che incredibilmente stava per concludersi senza nemmeno un gol all’attivo. A parziale giustificazione di un così striminzito bottino il forte vento di scirocco che ha infastidito i contendenti per tutta la durata dell’incontro.
Non dobbiamo dimenticare che la prima grande occasione da rete dell’incontro l’ha avuta il Lavorate all’8’ del primo tempo quando Squillante ha calciato alle stelle un calcio di rigore concesso in seguito ad un fallo di Veropalumbo su Liguori lanciato a rete. Per il resto dell’incontro Miccio è stato chiamato in causa solo con tiri da lontano di scarsa pericolosità.
Da rivedere lo schema difensivo a tre dei rossoneri che costringeva i pur bravi Veropalumbo, Schiazzano ed Esposito a vedersela con un numero pari o addirittura maggiori da avanti avversari. Di solito quando si parla di difesa a tre i due esterni di centrocampo sono in realtà dei terzini che in fase di non possesso si abbassano trasformando la difesa a cinque. Palomba e Russo hanno attitudini prevalentemente offensive e non sono mai tornati a dare una mano ai difensori che venivano così a trovarsi in inferiorità numerica. Molto più equilibrato l'Atletico del secondo tempo con Ruocco al posto di Palomba che assicurava un maggior sostegno alla retroguardia e Russo più vicino alle punte posizione in cui è spesso letale.
Tanto è bastato comunque per conquistare i tre punti, mantenere la vetta della classifica, e il primato di difesa meno battuta di tutta il calcio campano.

Share/Bookmark

Stasera (ore 19.30) rossoneri al Campo Italia contro il Levorate

Messo alle spalle un 2017 ricco di soddisfazioni  - quali: la vittoria del girone B del campionato di terza categoria napoletana; la vittoria della supercoppa nella finale con il Montecalvario; le 78 reti messe a segno in 20 partite; il nuovo record di reti segnate in un incontro nel 16-0 col Capri San Costanzo; il primato in solitaria nel girone G della seconda categoria condito dal dato statistico di essere la squadra campana che ha incassato il minor numero di reti (solo 3) e una delle meno battute d’Italia – l’Atletico Sorrento ritorna in campo stasera alle ore 19.30 allo Stadio Italia per riprendere la caccia ad ulteriori obiettivi affrontando l’ex capolista Lavorate. Il dinamico presidente Antonino Schisano ha espresso il proposito di vincere tutte e quattro le partite che restano da giocare da oggi alla chiusura del girone di andata in modo da concludere lo stesso a 34 punti. 
Delle quattro partite che restano dia giocare quella con il Levorate è sicuramente la più impegnativa non fosse altro perché viene dopo un periodo di feste in cui però i ragazzi dell’Atletico hanno continuato ad allenarsi aglio ordini di mister Marcello Ferrara con il solito impegno ed entusiasmo e perché ci si ritroverà di fronte un avversario incarognito dalle sconfitte subite nelle ultime giornate prima della pausa e quindi intenzionato a riscattarsi. I ragazzi dell’Atletico sono consapevoli della difficoltà dell’incontro e faranno tutto il possibile per conseguire una vittoria che gli permetterebbe di aumentare il vantaggio sulle inseguitrici. 
L’orario di inizio dell’incontro fissato alle ore 19.30 non è dei più agevoli in questo periodo dell’anno ma si spera comunque di avere una adeguata presenza di pubblico visto che non vi è nessun altro incontro in contemporanea.
Superato, si spera positivamente l’ostacolo Levorate, ci si preparerà al derby della prossima settimana con i cugini dell’Evergreen Sant’Agnello che purtroppo stanno attraversando un periodo non troppo felice (eufemismo) con 10 sconfitte in altrettanti incontri, per ultimo l’undici a zero (11-0) sul campo dell’Olimpia Capri. Il 21 poi ci sarà l’incontro interno con il Real Vesuvio, e la settimana successiva la trasferta a Bracigliano che chiuderà il girone di ritorno.

Share/Bookmark

Ci lascia Rino Santin allenatore del Sorrento nella stagione 1973-74

venerdì 29 dicembre 2017 0 commenti

Il mondo del calcio piange la scomparsa dell’ex allenatore Pietro Santin, morto a 84 anni a Cava de’ Tirreni dopo una lunga malattia. Santin, che era nato il 6 settembre 1933, a Rovigno in Istria, quando questa era ancora territorio italiano. Santin è stato allenatore del Sorrento nella stagione 1973-74 (serie C) ottenendo il sesto posto in classifica alle spalle di Pescara (promossa in B), Lecce, Casertana, Nocerina e Turris. 38 partite, 13 vittorie, 12 pareggi e 13 sconfitte. 38 punti, con 32 reti segnate e 30 subite.
Da giocatore ha indossato le maglie di Cavese, Casertana, Spal, FEDIT, Tevere Roma, Salernitana, Nocerina, Savoia e Sessana. Durante la propria lunghissima carriera da tecnico Santin, oltre al Sorrento, ha guidato anche Nocerina, Savoia, Sessana, Palmese, Juve Stabia, Benevento, Lecce, Ternana, Cavese, Napoli, Bologna, Catanzaro, Catania, Nola, Battipagliese, Nardò, Potenza, Tricase, Paganese e Latina.  
Con la Cavese le imprese memorabili: la squadra a un passo dalla promozione in Serie A nella stagione 1982-1983, quella che resta nei cuori dei tifosi biancoblù e che portò in dote la storica vittoria per 2-1 in trasferta a San Siro contro i rossoneri del Milan. Nella stagione successiva fu alla guida del Napoli preMaradona, ma senza troppa fortuna, sostituito nel febbraio del 1984 da Rino Marchesi. Malato da tempo, la carriera da allenatore di Santin si è conclusa solo dieci anni fa, quando era alla guida del Latina.

Share/Bookmark

Francesco Nardo nuovo tecnico del Sant’Agnello

mercoledì 20 dicembre 2017 0 commenti

Nel pomeriggio di martedì 19 dicembre il nuovo mister Francesco Nardo ha diretto il primo allenamento a Viale dei Pini, lavorando molto sotto l’aspetto tecnico-tattico per arrivare preparati alle sfide importanti in chiave salvezza che la squadra affronterà dopo la lunga sosta per le festività natalizie. Per il tecnico nativo di Vico Equense ha sempre un fascino speciale la panchina del Sant’Agnello, sodalizio con il quale ha conquistato il titolo regionale Juniores battendo in finale il San Giorgio, ed una salvezza contro pronostico imponendosi nel play-out secco in trasferta sul campo del San Tommaso. La classifica resta cortissima al giro di boa del campionato ed il cammino verso la salvezza è irto di insidie ma non impossibile: prossimo step, lo scontro diretto di Solofra dopo la sosta.   

Per te si tratta di un gradito ritorno sulla panchina del Sant’Agnello dopo la salvezza conquistata nella scorsa stagione vincendo il play-out contro il San Tommaso. Quali sono state le emozioni dopo aver diretto il primo allenamento?
“Non posso nascondere la mia euforia nel riprendere quella panchina lasciata nella scorsa stagione. Ci sono tanti ragazzi che hanno già lavorato con me, ma nel complesso ho visto un gruppo motivato e voglioso di centrare anche quest’anno l’obiettivo salvezza. Dopo aver visto la squadra in campo ed aver parlato a lungo con i calciatori, sono ancora più sicuro che potremo dire la nostra per compiere un’impresa sicuramente difficile ma non impossibile”.
Con tutto il girone di ritorno ancora da disputare, la salvezza diretta è distante solamente 6 punti. Su cosa lavorerai durante la lunga sosta per arrivare pronti alla fondamentale sfida contro il Solofra?
“In questo momento dobbiamo soltanto compattarci e lavorare bene sotto l’aspetto fisico e mentale. È infatti l’unico  modo per arrivare a giocarci lo scontro diretto in terra irpina con le motivazioni a mille. D’altra parte quando si lavora con un gruppo fondamentalmente giovane, voglia e determinazione fanno la differenza per ottenere risultati importanti”.
Da quali certezze intendi ripartire e quali correttivi ritieni indispensabili per invertire la rotta?
“Per quanto riguarda i correttivi, in accordo con la società ci stiamo muovendo sul mercato per aggiungere un pizzico di esperienza a questo organico. I punti di forza sono invece tutti quei ragazzi che hanno firmato in estate con il Sant’Agnello, continuando a sposare questa causa anche dopo la finestra invernale di mercato. Ciò vuol dire che credono in questo progetto e sono pronti a dare tutto per risalire dalle sabbie mobili della classifica. Riparto anche dall’ottimo lavoro svolto dal mister Giulio Russo sia sotto il profilo tecnico che tattico: i ragazzi sanno perfettamente cosa fare in mezzo al campo e come farlo, e questo è senz’altro un buonissimo punto di partenza”.
Conosci già buona parte dei calciatori attualmente in organico: hai già un’idea riguardo il modulo che preferiresti utilizzare o valuti di poter cambiare pelle in base alle caratteristiche degli avversari?
“A me piace molto lavorare in settimana sui punti di forza e debolezza dei nostri rivali. Saremo una squadra molto camaleontica che cambierà spesso volto in base all’avversario che andremo ad affrontare giornata dopo giornata. È ovvio che in questi giorni lavorerò molto sul piano tattico, l’idea di partenza è quella di schierarci con un 4-3-1-2 ma con tante variazioni sul tema”.    

Giovanni Minieri (Area Comunicazione FC Sant'Agnello)

Share/Bookmark

DISCLAIMER - Penisola Sport è un blog d’informazione senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento. La testata ambisce ad essere una piena espressione dell'art. 21 della costituzione italiana. Pur essendo normalmente aggiornato più volte quotidianamente, non ha una periodicità predefinita e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.