Aggancio in vetta per l’Atletico Sorrento

[ domenica 10 dicembre 2017 | 0 commenti ]

Atletico Sorrento-F3 Nocera 2-1 

Atletico Sorrento: Miccio; Di Leva, Veropalumbo, Schiazzano, Arcucci; De Simone (84’ Longobardi), Satariano, Verde, Russo; Prestigiovanni F. (81’ Palomba), Mantice (70’ Di Gregorio). A disposizione: Armano, Rega, Esposito, Bisogno. Allenatore: Ferrara.  
F3 Nocera: Gigantino; Morrone (63’ Pierri), Crispo, Fabbricatore, Califano; Zarrella, Spera (79’ Pecoraro), Russo; Attanasio (72’ Bellino), Boffardi (70’ Nigro), Mansi I (77’ Mansi II). A disposizione: Napoletano. Allenatore: Pepe.
Arbirtro: Ciccarelli di Castellamare di Stabia.
Reti: 29’ Russo (S), 37’ Attanasio (N), 52’ Verde (S).
Ammoniti: Miccio, Prestigiovanni (S), Gigantino, Morrone, Califano, Russo (N). Espulso al 62’ Califano (N) per doppia ammonizione.

L’Atletico Sorrento grazie al successo per due reti ad una sul F3 Nocera e alla contemporanea pesante sconfitta del Levorate a Rovigliano (4-1), perfeziona l’aggancio in vetta al girone G della Seconda Campania e guarda fiducioso alle prossime giornate dove approfittando di un calendario che si presenta più che mai favorevole potrebbe addirittura concretizzarsi una fuga solitaria. 
Tutto è bene quel che finisce bene ma la partita odierna è stata pesantemente condizionata da un arbitraggio ai limiti del surreale. Con un arbitro ragazzino che ha fischiato a casaccio per tutta la durata dell’incontro facendo indispettire entrambe le squadre. Una vera perla la convalida della rete del momentaneo pareggio nocerino viziata da un evidente fallo di mano. Numerosissimi falli (da una parte e dall’altra) non fischiati. In compenso ha fischiato diversi fuorigioco inesistenti. Un elemento totalmente inadatto ad arbitrare un incontro di calcio che per sua fortuna si è trovato a dirigere due squadre dotate di abbondantissimo self control. Non oso immaginare cosa sarebbe potuto accadergli in altri contesti.
Una partita tra due squadre ben messe in campo che davano molto importanza alla fase difensiva con pochissime occasioni da rete. L’Atletico Sorrento riusciva a sbloccare il risultato al 29’ con una bella azione manovrata finalizzata da Gianmaria Russo con un tiro rasoterra a fil di palo susseguente ad una tentativo in rovesciata di Mantice ribattuto dal corpo di un difensore. I nocerini riuscivano ad ottenere il momentaneo pareggio al 37’ con Attanasio che batteva Miccio da distanza ravvicinata dopo aver stoppato il pallone con il braccio destro. Un fallo evidentissimo visto di tutti i presenti tranne che dall’arbitro. Il gol che ha deciso l’incontro è arrivato al 52’: al termine di un prolungato batti e ribatti in area nocerina la palla finiva sul piede destro di Lucio Verde che dal limite dell’area la spediva in fondo alla rete con un forte diagonale. Pochi minuti dopo i nocerini rimanevano in dieci per l’espulsione di Califano cosa che facilitava il controllo del risultato da parte dei sorrentini. Questi avrebbero anche potuto più volte incrementare il bottino sfruttando le larghe maglie della difesa ospite ma venivano sistematicamente fermati dall’arbitro con fuorigioco inesistenti.
La prossima giornata l’Atletico Sorrento sarà in trasferta a Lettere mentre il Levorate ospiterà l’Olimpia Capri che potenzialmente occupa la terza posizione in classifica sebbene risulti quinta dovendo recuperare l’incontro con il Lettere in programma ieri rinviato causa le avverse condizioni meteomarine che hanno impedito al Lettere di raggiungere l’isola. 

La Folgore Massa si inchina al Leverano

| 0 commenti ]

La capolista BCC Leverano si è aggiudicata meritatamente il big match dell’Atigliana superando la SNAV Folgore Massa per 3 set ad 1 (19-25, 25-20, 16-25, 19-25). Squadra esperta e concreta il Leverano è sceso in campo con un preciso piano tattico da attuare per prevalere sulla Folgore e fin dall’inizio ha indirizzato tutte le proprie battute su Alessio Ferrini minandone ben presto l’efficienza in ricezione costringendolo spesso all’errore e ricavandone diversi breakpoint. Per contro le battute eseguite dai ragazzi della Folgore erano assai meno efficaci consentendo abbastanza spesso al palleggiatore ospite Andrea Laterza di fornire ottimi palloni alle proprie bocche da fuoco. La Folgore è riuscita a limitare i danni grazie soprattutto ad un superlativo Scialò in evidente crescita rispetto alle ultime apparizioni. Sul finale di primo set la Folgore si faceva cogliere per ben due volte in fallo di formazione permettendo ai pugliesi di incrementare ulteriormente il proprio vantaggio e di chiudere il parziale sul 25-19.
Ad inizio secondo set la situazione non cambiava e il Leverano allungava nuovamente nel punteggio costringendo Nicola Esposito a togliere dal campo Alessio Ferrini sostituendolo con Gianluca Amitrano. Il cambio si rivelava più che mai azzeccato: Le battute di Amitrano riuscivano a mettere in evidente difficoltà la ricezione del Leverano impedendogli di contrattaccare in modo efficace e propiziavano il sorpasso della Folgore che si portava a condurre 19-17. Orefice riusciva a mettere a terra due palloni consecutivi riportando nuovamente in avanti il Leverano ma la Folgore riconquistava il servizio con un attacco di Scialò. A questo punto Nicola Esposito giocava il jolly mandando in battuta Marcello Miccio al posto di Fabio Cuccaro e ne veniva ricambiato con due ace consecutivi e una difesa in tuffo dello stesso Miccio su attacco del centrale ospite che consentiva alla Folgore di incamerare un altro punto sul successivo contrattacco del solito Scialò. Azioni che esaltavo il tifo bianco verde che trasformava il Palatigliana in una bolgia infernale sospingendo la Folgore verso la meritata aggiudicazione del set.
Al cambio campo Nicola Esposito decideva di rimetter in campo la formazione iniziale. Quelli del Leverano ne approfittavano per riprendere a battere su Alessio Ferrini portandosi in vantaggio 6-2. A questo punto Esposito tornava sui propri passi e rimandava in campo Amitrano. Quelli del Leverano avendo ancora ben presente come si era concluso il set precedente iniziavano a battere con continuità su Ferenciac riuscendo in breve tempo a mandare in tilt pure lui, facendogli perdere sicurezza pure in attacco. Servirebbe un cambio per farlo rifiatare ma in panchina non c’è nessuno che possa sostituirlo. Sul 15-8 per Leverano entra Della Mura al posto di Deserio ma la mossa non è sufficiente per consentire alla Folgore di recuperare l’enorme svantaggio. Anzi, il Leverano approfitta di tre ace consecutivi di Pippo Scrimieri sul solito Ferenciac per incrementare ulteriormente il vantaggio chiudendo il parziale sul punteggio di 25-16.
Nel quarto set Nicola Esposito riconferma la formazione con cui aveva chiuso il terzo. Quelli del Leverano invece approfittano della falla aperta su Ferenciac in ricezione per accumulare subito un discreto vantaggio. Sul 9-4 a sfavore Nicola Esposito rimanda in campo Deserio al posto di Della Mura e Miccio per Aprea. La Folgore riesce a recuperare qualche punto ma purtroppo Ferenciac in ricezione continua a fare acqua. Al suo posto entra Ferrini, ma la pezza è peggio del buco ed allora ci si affida nuovamente a Ferenciac. Sul 20-14 a sfavore la Folgore ha un ultimo sussulto e riesce a rosicchiare tre punti al Leverano portandosi a -3 (20-17) salvo perderli nuovamente negli scambi successivi. Il set si chiude 25-19 per Leverano che questa sera si è dimostrata più forte della Folgore ricevendo l’applauso finale dello sportivissimo pubblico presente insieme ai ragazzi di casa che, onestamente, hanno fatto quanto era in loro potere.   

Folgore Massa: Aprea 3, Ferrini 2, Ferenciac 7, Cuccaro 7,Scialò 27, Amitrano 1, Della Mura 2, Denza (libero), Deserio 7, Miccio 0, Pontecorvo ne, Evangelista ne, Cormio ne. Allenatore: Esposito.
BCC Leverano: Sergio 9, Scrimieri 9, Galasso 9, Orefice 26, Serra 17, Laterza 4, Franco (libero), Savina ne, Cagnazzo G. ne, Francone ne, Miraglia ne, Allenatore: Zecca.
Arbitri: La Rocca e Costa.
Note - Durata set: 25’, 28’, 21’, 31’. Muri vincenti: Massa 5, Leverano 10; errori in battuta: Massa 11, Leverano 10; ace: Massa 2, Leverano 10.

Stasera Folgore Massa-BCC Leverano grande pallavolo al Palatigliana

[ sabato 9 dicembre 2017 | 0 commenti ]

Questa sera alle ore 18.00 al Palatigliana di Sorrento va in scena il big match della nona giornata del girone G della serie B maschile di pallavolo tra la SNAV Folgore Massa e la capolista BCC Leverano che fin qui ha sempre vinto lasciando per strada solo due punti ad Aversa e Cerignola.
Una partita che mette uno di fronte all’altro due tra i bomber del girone, Giuseppe Scialò dalla parte della Folgore Massa e Alessandro orefice da parte del BCC Leverano, supportati dai due palleggiatori Gianpio Aprea e Andrea Laterza, tutti elementi capaci di ben comportarsi anche in A2. Da non sottovalutare i due martelli dei pugliesi Stefano Sergio e Andrea Galasso cui la Folgore risponde con i giovani Alessio Ferrini e Paul Ferenciac che fin qui hanno alternato ottime prestazioni ad altre meno buone, anche nel corso della stessa partita ma che con l’apporto del pubblico del Palatigliana sapranno senz’altro tirar fuori il meglio del loro repertorio. Completano la formazione pugliese i due centrali Filippo Scrimieri e Marco Serra e il libero Matteo Franco a cui la Folgore risponde con i centrali Fabio Cuccaro e Michele Deserio e il ibero Luigi Denza.
La Folgore che dopo il passo falso di domenica scorsa a Tricase da dove poteva tranquillamente tornare a casa con tre punti ma invece ne ha colto solo uno è scivolata a sei punti dal vertice per cui stasera deve far di tutto per conquistare la vittoria in modo da accorciare la classifica.
Un incontro del genere merita due arbitri di eguale spessore e questa volta la FIPAV non ha badato a spese inviando Giovanna La Rocca di Latina (primo arbitro sul seggiolone) e Cosmo Costa di Isernia (secondo arbitro tra le due panchine).
Come al solito spettacolare la cornice di pubblico che sarà offerta dal Palatigliana per cui si consiglia vivamente di giungere al palazzetto con almeno mezzora di anticipo sull’orario di inizio.

Atletico Sorrento eliminato in coppa pronto a ricattarsi in campionato con l’F3 Nocera

[ venerdì 8 dicembre 2017 | 0 commenti ]

Montecalvario-Atletico Sorrento 1-0 

Montecalvario: D’Isanto, Rizzo, Tramontano, Farina (53’ Di Donna), Imperatrice, Vessella (55’ Cioffi), Panfili, Pisani (26’ Trito), Aiello, De Chiava (71’ De Chiava), Mastroianni (55’ Bagnoli). A disposizione: Egizio, Troise. Allenatore: Paolucci.
Atletico Sorrento: Armano, Veropalumbo, Schiazzano, Ruocco (56’ Di Leva), Esposito, Mantice (65’ Di Gregorio), Palomba, Russo, Rega, Verde, Vanacore (80’ Ferrara). A disposizione: Miccio, Bisogno, De Simone, De Rosa. Allenatore: Ferrara. 
Arbitro: Furiello di Napoli.
Rete: 70’ Bagnoli (M) rigore.
Ammoniti: Farina (M); Verde, Vanacore (S).

Dopo la vittoria casalinga per 3-2 di due settimane fa nella gara di andata giocata al Campo Italia, i ragazzi di mister Marcello Ferrara sono stati sconfitti per 1-0 nella gara di ritorno disputata mercoledì sera al Denza di Posillipo e causa la doppia valenza dei gol segnati in trasferta lasciano a testa alta la Coppa Italia. 
Il tecnico rossonero concede un turno di riposo ad alcuni titolari e approfitta dell’occasione per concedere un poco di spazio a chi finora si è impegnato tantissimo negli allenamenti ma non ha avuto altrettante occasioni per scendere in campo. Partita maschia ma cavalleresca, veloce, ben studiata tatticamente da entrambe le squadre ma avara di occasioni da rete. L’Atletico Sorrento va vicino alla segnatura con un incrocio dei pali colpito da Gianmaria Russo su calcio di punizione dal limite. Qualche azione personale da parte di entrambe le squadre ma nulla di veramente concreto. A decidere l’incontro e la qualificazione agli ottavi di finale della Coppa Italia regionale di Seconda Categoria è un calcio di rigore trasformato da Bagnoli al 70’. 
Archiviata la Coppa Italia non senza un pizzico di delusione i ragazzi dell'Atletico sono già concentrati sull’importante incontro di domenica pomeriggio al Campo Italia contro l'F3 Nocera incontro che sarà diretto dal signor Mario Ciccarelli della sezione AIA di Castellammare di Stabia.

Sliding doors fatali al Sant'Agnello: in pochi minuti dal possibile pari al tris dell'Eclanese

[ martedì 5 dicembre 2017 | 0 commenti ]

ECLANESE – SANT’AGNELLO 3-0 

ECLANESE (4-4-1-1) Napolitano; Della Valle (40’ pt Grasso C.), Capossela, Guardabascio, Grasso A. (3’ st Volzone); Coppola, Garzone, Caruso (37’ st Minicozzi), Orefice; Tammaro (32’ st Guerriero); Pugliese (21’ st Borrillo). A disp: Ruggiero, Nitti. All: Martino.
SANT’AGNELLO (4-3-3) Stinga; De Stefano, Buonomo, Palladino, Breglia (10’ st Veniero); Gargiulo V. (30’ st Ferro), Serrapica, Nocerino (28’ st Vanacore); Ferrara (40’ pt Di Giulio Cesare), Zarrella, Minicone (10’ st Marino). A disp: Zurino, Cascone. All: Russo.
Arbitro: Sig. Cristopher Russo della Sezione AIA di Ariano Irpino. Assistenti: Benevento e Leonetti. 
Reti: 4’ Tammaro (E), 52’ Pugliese (E), 62’ Volzone (E).
Note: Ammoniti: Pugliese (E), Della Valle (E), Serrapica (S), Napolitano (E), Palladino (S), Di Giulio Cesare (S). Espulso: Guardabascio (E) al 45’+1 st per comportamento irriguardoso. Corner: 2-2. Recupero: 3’ pt, 6’ st.

Si ferma a 2 la striscia di risultati utili consecutivi del Sant’Agnello, che sul campo sterrato di Mirabella Eclano reso ancora più pesante del solito dalla pioggia copiosa abbattutasi nella giornata di ieri sulla Campania, non riesce a sfruttare gli episodi all’inizio delle ripresa che avrebbero potuto far girare la gara a favore della compagine guidata dal mister Giulio Russo. Breglia ha infatti sui piedi due grosse chance all’uscita dagli spogliatoi, quando il risultato era ancora sull’1-0 a favore di un’Eclanese molto più cinica. Il servizio al bacio di Zarrella libera l’attaccante costiero in campo aperto: il tempo di aspettare il rimbalzo giusto per aprire il piattone sul piede preferito e mancino a giro che fa la barba al palo uscendo di millimetri alla destra di Napolitano. Poco dopo l’estremo difensore irpino compie un autentico miracolo opponendosi ad una sassata dello stesso Breglia a botta sicura da distanza ravvicinata, e sliding doors irrimediabilmente chiuse con la rete di Pugliese 5 giri di lancette più tardi che taglia definitivamente le gambe ai biancazzurri costretti ad uscire a testa bassa da un impianto molto ostico dal quale non è uscita indenne neanche la capolista Agropoli.
Torna Breglia dal primo minuto, il jolly De Stefano trasloca sulla corsia destra mentre Giulio Russo conferma la coppia centrale formata da Buonomo e Palladino. Nessun cambio nella zona nevralgica del campo rispetto al match convincente contro la Battipagliese, mentre in attacco l’unico superstite è il bomber Minicone. Esordio dal primo minuto per il ’99 Zarrella dopo 54 minuti raccolti in 2 spezzoni a gara in corso contro Virtus Avellino e Audax Cervinara, mentre il classe 2000 Ciro Ferrara va ad occupare la corsia destra alta abbandonata dal primo minuto dal derby contro il San Vito Positano.
L’Eclanese passa subito al primo affondo grazie ad un filtrante di Pugliese che taglia con troppa facilità la difesa costiera da sinistra a destra, diventando un comodo assist per Tammaro pronto per il tap-in vincente sul palo lungo. La squadra di Giulio Russo risponde con ordine dopo lo svantaggio: Nocerino sfiora subito il pari dalla distanza, e poi con un’inzuccata al termine di una carambola all’interno dell’area di rigore irpina. Al 10’ Minicone mette i brividi con un destro a giro dal vertice dell’area di rigore che scheggia il palo alla sinistra di Napolitano, poi Zarrella si avventa su una seconda palla senza riuscire a calibrare bene la potenza. Al 25’ il Sant’Agnello dispone di una ghiottissima occasione su calcio piazzato: Palladino inventa, sponda di Breglia per l’efficace inserimento di Gargiulo V. che in spaccata va vicinissimo al pareggio. 2 giri di lancette più tardi l’Eclanese risponde con Della Valle lanciato a rete in posizione defilata sulla destra: Stinga va incontro chiudendo ogni spazio, con la conclusione del difensore irpino che si stampa sul palo esterno. Poco dopo Stinga è ancora provvidenziale su Della Valle, mentre Orefice approfitta di un’indecisione della difesa per battere di prima intenzione, ma chiude troppo la traiettoria e la sfera finisce sul fondo. Al 34’ Orefice mette i brividi al Sant’Agnello, mentre la sponda di Breglia per Zarrella risulta un pizzico lunga e l’azione sfuma.
All’uscita dagli spogliatoi le due ghiotte chance non concretizzate da Breglia, e dopo il secondo legno irpino centrato da Tammaro, l’Eclanese raddoppia con Pugliese che ruba il tempo a tutti su cross dalla destra di Grasso C. Gara in ghiaccio al minuto 62, quando Volzone va a segno di tacco beffando la retroguardia santanellese. Il tris è un duro colpo per il morale dei costieri, che provano a realizzare almeno il gol della bandiera con una potente punizione dalla lunga distanza di Palladino deviata in corner, ed infine con un tiro di Vanacore da posizione defilata sulla sinistra che trova soltanto i guantoni di Napolitano. In pieno recupero sciocchezza di Guardabascio, costretto ad abbandonare anzitempo la gara per aver apostrofato in maniera irriguardosa un calciatore costiero in occasione di un normale contrasto di gioco.

Giovanni Minieri (Area Comunicazione FC Sant'Agnello) 

A Tricase Folgore sconfitta al tiebreak

[ domenica 3 dicembre 2017 | 0 commenti ]

La SNAV Folgore Massa torna dalla trasferta più lunga del campionato, quella di Tricase, comune a pochi chilometri da Santa Maria di Leuca - in pratica sulla punta del tacco d'Italia - con un solo punto in saccoccia. Un incontro rocambolesco che la Folgore ha iniziato malissimo il primo set ritrovandosi ad un certo punto a -10 punti dai padroni di casa (20-10) salvo poi dar luogo ad una strepitosa rimonta che si è interrotta a -1 dall'aggancio (22-21). Perso il primo set 25-21 ha dominato i due successivi, distanziando nettamente il Tricase 19-25 e 15-25 mentre il tecnico di casa, Michele De Giorgi, fratello del più famoso Fefè, operava numerose sostituzioni nel vano tentativo di arginare gli attacchi di Scialò e compagni. Quando sembrava che i biancoverdi avessero la vittoria in pugno, inaspettatamente, ad inizio quarto set la squadra di casa riusciva a ribaltare la situazione sfavorevole con una partenza sprint guadagnando in poco tempo un vantaggio di 7 punti (12-5) su una Folgore che appariva nuovamente frastornata. Il vantaggio del Tricase rimaneva sostanzialmente immutato fino al 17-11 quando si arrivava al turno al servizio di Paul Ferenciac che con una serie di battute al salto ben assestate propiziava un altra clamorosa rimonta della Folgore che riusciva addirittura a scavalcare i padroni di casa portandosi a condurre 18-17. Così come nel primo set la Folgore non riusciva a concretizzare la rimonta e doveva inchinarsi alo sprint finale dei padroni di casa, che agevolati da un errore arbitrale e da un cartellino rosso mostrato ad Amitrano per proteste eccessive si aggiudicavano il set con il punteggio di 25-22. Si andava così al quinto set. Il primo break era dei padroni di casa che si portavano avanti 7-5 ma la Folgore reagiva immediatamente e si aggiudicava quattro scambi consecutivi portandosi a sua volta avanti 9-7. Il Tricase spinto dal'incitamento dei propri tifosi riusciva nuovamente a ribaltare la situazione sul 13-11 e poi sul 14-12. Due attacchi punto di Ferrini e un servizio vincente di Amitrano consentivano alla Folgore di annullare due match point e di procurarsene a sua volta due, ma alla fine i padroni di casa riuscivano a prevalere conquistando il set con il punteggio di 18-16.
Purtroppo per la Folgore questo vuol dire terza sconfitta su quattro partite giocate in trasferta, perdita del secondo posto in classifica e distacco dalla testa che è salito a sei punti. A questo punto diventano fondamentali i prossimi due incontri con Leverano (sabato prossimo al Palatigliana) e Aversa Normanna (il sabato successivo in trasferta).

Atletico Sorrento battuto il Piano con una doppietta di Pasquale Mantice

| 0 commenti ]

Piano Pizzeria Lucia-Atletico Sorrento 0-2

Piano Pizzeria Lucia: Gargiulo, Beato, D'Alessio (6' Maresca), Palomba, Coppola, Pane, Cicchiello, D'Auria, Del Pizzo, Pollio, Belgenio (70' Castellano). A disposizione: Ferraiuolo, Esposito, Cocurullo, Iaccarino, Arpino. Allenatore: Maresca.
Atletico Sorrento: Miccio, Veropalumbo, Bisogno (70' Di Gregorio), Schiazzano, D'Esposito (46'Arcucci), Di Leva, De Simone, Satariano (85' Rega), Mantice, Ruocco (46' Prestigiovanni F.), Verde. A disposizione: Armano, Palomba, Esposito. Alleantore: Ferrara.
Arbitro: Siano di Nocera Inferiore.
Reti: 79' Mantice (S), 90' Mantice (S).
Ammoniti: Pane, Palomba, Cicchiello, D'Auria (P); D'Esposito (S)

L'Atletico Sorrenti si aggiudica il derby con il Piano Pizzeria Lucia grazie ad una dopietta messa a segno da Pasquale Mantice nei minuti ffinalidi un match condizionato oltre misura dalle cattive condizioni atmosferiche che hanno imperversato in mattinata sul Cerulli di Massa Lubrense. 
Decide la partita due gol di Pasquale Mantice il primo al minuto 79 calciando la palla in rete su un cross perfetto di Francesco Veropalumbo, la seconda al minuto 90 quando si liberava in area di due avversari calciando ancora in fondo al sacco. 
Partita prive di emozioni causa la forte grandinata all'inizio della gara e dalla pioggia caduta per tutto il resto della gara che ha reso scivoloso il tappeto sintetico del Marcellino Cerulli
Il sucesso odierno permette all'Atletico Sorrento di mantenere la seconda posizione in classifica a tre punti dalla capolista Levorare distanziando di due lunghezze l'Olimpia Capri che ha pareggiato 2-2 sul campo dell'F3 Nocera.
Mercoledì l'Atletico Sorrento sarà impegnato nella delicata trasferta di Napoli per la gara di ritorno di Coppa Italia dilettanti.  

Atletico Sorrento: battuto lo Stabia Friends. Testa della classifica più vicina (-3)

[ domenica 26 novembre 2017 | 0 commenti ]

Stabia Friends-Atletico Sorrento 0-1

Stabia Friends: Longobardi, Santoro (82’ Somma), Sicignano M., Mercurio (71’ Assante), Ruggiero, Cuomo, Cascone, De Feo, Santanicola, Leone, Sorrentino (60’ Galasso). A disposizione: Di Martino, Sicignano V., D’Apuzzo, Guida. Allenatore: Coppola.
Atletico Sorrento: Miccio, Russo (72’ Ruocco), Arcucci, Schiazzano, Veropalumbo, Di Leva, De Simone, Satariano, Mantice (83’ Palomba), Solimene (41’ Bisogno), Verde. A disposizione: Armano, D’Esposito, Vanacore. Allenatore: Ferrara.
Arbitro: Cardenia di Castellamare di Stabia.
Rete: 47’ Bisogno (Sorrento)
Ammoniti: Santoro, De Feo, Cuomo (Stabia); Veropalumbo (Sorrento). Espulso: 87’ Somma (Stabia).

L’Atletico Sorrento vince col minimo scarto (1-0, gol di Nello Bisogno all’inizio del secondo tempo) sul difficile campo dello Stabia Friends, consolida la seconda posizione in classifica e si avvicina alla vetta portandosi a soli tre punti dalla capoclassifica Levorate fermata sullo 0-0 dall’AFFE Nocera. Mantiene il passo l’Olimpia Capri che travolge 6-0 il Piano Pizzeria Lucia prossima avversaria dell’Atletico Sorrento.
Questa in sintesi il responso della sesta giornata del girone G della Seconda Categoria Campana. Le gare in programma oggi infatti non avranno alcuna influenza sul vertice della classifica.
Tornando ad approfondire il discorso sulla gara di ieri pomeriggio a Casola tra Stabia Friends e Atletico Sorrento c’è da rilevare che dopo la parentesi infrasettimanale in Coppa Italia dove mister Ferrara aveva applicato un robusto turn over la squadra rossonera si è schierata in campo con la migliore formazione attualmente possibile anche se mancano all’appello diversi titolari ancora alle prese con problemi di diversa natura. A questi purtroppo andrà temporaneamente ad aggiungersi anche Michele Solimene vittima di uno stiramento che lo ha costretto a lasciare il campo poco prima della fine del primo tempo. Proprio il suo sostituto Nello Bisogno è stato l’autore dell’unica rete dell’incontro messa a referto in apertura di secondo tempo. Per il resto si è assistito ad un incontro molto tattico con le due squadre che hanno badato soprattutto alla fase difensiva forse perché intimorite da un terreno di gioco in sintetico non al meglio a causa delle avverse condizioni atmosferiche.
Un successo importantissimo che come già detto permette all’Atletico Sorrento di consolidare la seconda posizione in classifica alle spalle della capolista Levorate ora a soli tre punti di distanza dopo il pareggio a reti bianche su campo dell’AFFE Nocera, squadra che aveva riservato lo stesso trattamento anche ai rossoneri alla seconda giornata. Analizzando attentamente la classifica, che potete vedere in sintesi anche nel box qui a destra ci si accorge che i rossoneri finora hanno affrontato tutte le squadre della parte alta della classifica escluso la capolista Lavorate con la quale se la vedranno solo dopo la pausa natalizia ricevendola al Campo Italia il 7 gennaio 2018. Da adesso in poi, senza per questo voler essere irriverenti con le avversarie ancora da affrontare, dobbiamo constatare che il cammino da affrontare fino al termine del girone di andata si presenta prevalentemente in discesa a cominciare dal derby con il Piano Pizzeria Lucia in programma sabato pomeriggio al Cerulli di Massa Lubrense.

DISCLAIMER - Penisola Sport è un blog d’informazione senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento. La testata ambisce ad essere una piena espressione dell'art. 21 della costituzione italiana. Pur essendo normalmente aggiornato più volte quotidianamente, non ha una periodicità predefinita e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'autore si riserva, tuttavia, la facoltà di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contrario al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.